• Mondo
  • sabato 3 agosto 2019

Donald Trump ha rinunciato a nominare il suo sostenitore John Ratcliffe come direttore dell’Intelligence degli Stati Uniti

Donald Trump ha rinunciato a nominare il suo sostenitore John Ratcliffe come direttore dell’Intelligence degli Stati Uniti, per le critiche che l’annuncio della nomina aveva ricevuto da parte di Repubblicani e Democratici. Ratcliffe è un deputato della Camera dei Rappresentanti per lo stato del Texas, fa parte della commissione Giustizia della Camera e di recente si è distinto per aver difeso Trump durante la deposizione del procuratore speciale Robert Mueller. Domenica scorsa, Trump aveva annunciato che a metà agosto lo avrebbe nominato nuovo capo dell’intelligence al posto di Dan Coats, un altro Repubblicano che aveva però avuto posizioni critiche nei confronti di Trump. Sia senatori Democratici che Repubblicani, che avrebbero dovuto confermare la nomina di Trump, hanno però criticato la scelta di Ratcliffe, parlando delle sue scarse competenze e accusandolo di aver inserito informazioni false nel suo curriculum.

In un tweet pubblicato venerdì sera, Trump ha annunciato di aver rinunciato alla nomina di Ratcliffe, accusando giornali e televisioni di aver diffuso informazioni false sul suo conto.

Donald Trump alla Casa Bianca, Washington, 11 luglio 2019 (Alex Wong/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.