(ANSA/STRINGER)

15 audiolibri per chi dovrà passare molto tempo in autostrada

Ascoltati e apprezzati dalla redazione del Post, e quindi consigliati: molti fanno ridere, ma ne abbiamo per tutti i gusti

(ANSA/STRINGER)

Nel 2018 il 55,9 per cento dei viaggi che gli italiani hanno intrapreso per una vacanza da quattro notti o più è stato fatto in automobile: nonostante il numero dei viaggi in aereo sia in aumento, l’auto è ancora il mezzo più usato per le vacanze, come mostrano le lunghe code autostradali che si formano ogni anno ad agosto. Per chi sa già che anche quest’anno resterà probabilmente bloccato nel traffico oppure farà un lungo viaggio in auto, abbiamo messo insieme una lista di audiolibri per passare il tempo, ascoltati e apprezzati dalla redazione del Post.

Sono tutti audiolibri disponibili su Storytel, una delle due piattaforme per l’ascolto in streaming di audiolibri disponibile in Italia, e quasi tutti ci sono anche su Audible, quella che appartiene ad Amazon. Entrambe le piattaforme hanno un periodo di prova gratuita: quello di Audible è di 30 giorni (con sconto del 20 per cento per un anno per gli iscritti ad Amazon Prime), quello di Storytel è di 14, a meno che non vi iscriviate passando da questo link, che allunga la prova fino a 30 giorni.

In mezzo al mare di Mattia Torre
durata: 3 ore e 32 minuti
Storytel divide i propri audiolibri in sei categorie a seconda della durata: per un viaggio in automobile con varie persone, soprattutto se non avete mai ascoltato prima un audiolibro, la cosa migliore è scegliere una “storia lampo” (meno di un’ora), una “storia pendolare” (da 1 a 3 ore) o una “storia da traffico intenso” (da 3 a 6 ore). In particolare potrebbe essere una buona idea cominciare con un audiolibro facile da mettere in pausa, quindi ad esempio una raccolta di racconti brevi. In mezzo al mare di Mattia Torre, l’apprezzato sceneggiatore e scrittore morto qualche settimana fa e molto noto per la serie tv Boris, rientra perfettamente nella terza categoria. È una raccolta di sette monologhi comici su vari argomenti, dall’ossessione femminile allo “sport nazionale dello scaricabarile”, letti da apprezzati attori italiani: Valerio Aprea, Geppi Cucciari e Valerio Mastandrea.

Il redattore del Post a cui è piaciuto non è l’unico a cui è piaciuto molto.

Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli
durata: 1 ora e 36 minuti
L’hanno letto tantissime persone – è uno dei più grandi bestseller degli ultimi anni – ma se non lo avete ancora fatto e avreste sempre voluto capire qualcosa delle più grosse questioni di cui si occupa la fisica stando lontani da formule matematiche, potete recuperarlo. È letto dallo stesso Rovelli: per alcuni audiolibri il fatto che a leggerli siano gli autori non è un valore aggiunto, anzi, mentre in questo caso sì. Se si sta concentrati è facile da seguire e alterna parti interessanti ad altre sconvolgenti; soprattutto ti fa pensare a quanto ti stavi perdendo quando guardavi fuori dalla finestra durante le lezioni di fisica e chimica alle superiori. È uno di quegli audiolibri che potete anche acquistare in formato CD, se nella vostra auto ascoltate ancora solo quelli.

Momenti di trascurabile felicità e Momenti di trascurabile infelicità di Francesco Piccolo
durata: 2 ore e 58 minuti e 3 ore e 17 minuti
Sempre riconducibile al genere di In mezzo al mare, questi due libri di Piccolo raccolgono storie brevi e leggere, autobiografiche, su vari argomenti: descrivono piaceri inconfessabili, tic, piccoli fastidi e dolori della vita quotidiana, spesso molto divertenti. Secondo la redattrice del Post che li consiglia, una delle ragioni per cui funzionano anche ascoltati oltre che letti è che la voce narrante è proprio quella di Piccolo: «È buffa». Una cosa che può succedervi se ascolterete questi libri in viaggio con un’altra persona (e se quella persona non è di quelle che abbandonano il guidatore mettendosi a dormire), sempre secondo la redattrice, è che continuiate a ripetervi a vicenda: «Anch’io penso questa cosa!». L’edizione in CD contiene entrambi i libri.

La sovrana lettrice di Alan Bennet
durata: 2 ore e 34 minuti
Se invece pensate di poter restare concentrati più a lungo, il tempo di ascoltare un’unica storia, potreste cominciare con un romanzo breve. Questo ha per protagonista la regina Elisabetta II e parte da questa ipotesi: cosa succederebbe se a un certo punto, già anziana, la regina avesse scoperto una passione totalizzante per la letteratura? È probabile che lo apprezziate molto se siete veri “lettori forti”, come si dice. È letto da Paola Cortellesi, che ha fatto da voce a molti audiolibri. Non pensate però che solo perché è un’attrice sia molto recitato: è proprio una lettura ad alta voce come si deve. C’è anche in edizione CD.

Dio la benedica, dottor Kevorkian e Quando siete felici fateci caso di Kurt Vonnegut
durata: 1 ora e 14 minuti e 3 ore e 47 minuti
Di nuovo per la categoria degli audiolibri divertenti e facili da mettere in pausa, segnaliamo Dio la benedica, dottor Kevorkian, un libro che in realtà prima di essere scritto era parlato: si tratta infatti di una raccolta di monologhi scritti per la radio  WNYC. Ognuno racconta un’intervista inventata che Kurt Vonnegut – scrittore americano, autore di Mattatoio n. 5, noto per il suo humour nero – avrebbe realizzato nell’aldilà, grazie a un sistema per avere un’esperienza di pre-morte inventato dal dottor Jack Kevorkian, un medico sostenitore dell’eutanasia che negli anni Novanta fu condannato per aver somministrato a un uomo molto malato un’iniezione letale. Tra i personaggi “intervistati” da Vonnegut ci sono Adolf Hitler e William Shakespeare, ma anche molti sconosciuti. Non sono tanto le interviste in sé la cosa interessante, ma le riflessioni, spesso spiritose, di Vonnegut.

Un altro audiolibro scritto da Vonnegut disponibile su Storytel (che di entrambi ha l’esclusiva) è Quando siete felici fateci caso che invece è una raccolta di quindici discorsi tenuti da Kurt Vonnegut fra il 1978 e il 2004. Potreste avere molta voglia di ascoltarlo dopo le interviste con i morti, ma sappiate che alcune parti potrebbero risultare ripetitive. Sia Dio la benedica, dottor Kevorkian che Quando siete felici fateci caso sono letti da Edoardo Siravo, uno dei più apprezzati lettori di audiolibri italiani nonché doppiatore di Gerard Depardieu e Jeremy Irons, tra gli altri: finirete per identificare la sua voce con quella di Vonnegut.

Meet David Sedaris di David Sedaris e letto da lui
durata: 1 ora e 52 minuti, la prima serie
Sia su Storytel che su Audible c’è un vastissimo catalogo di audiolibri e altre cose da ascoltare in inglese perché il mercato anglosassone degli audiolibri è molto più sviluppato del nostro. Ascoltare audiolibri in inglese non è da tutti: anche chi li legge abitualmente può trovare un po’ faticoso prestarci attenzione, soprattutto se la pronuncia del lettore non è quella a cui si è abituati. Per chi volesse provare con qualcosa di divertente e non troppo lungo, una redattrice consiglia questo podcast di BBC disponibile su Storytel. David Sedaris è uno scrittore americano molto divertente diventato famoso per parlare di sé, cosa che fa anche nei racconti e nei monologhi raccolti in Meet David Sedaris e tratti da diversi suoi libri: ci sono quattro stagioni.

Qui potete ascoltarne un pezzetto, per valutare se la serie è adatta al vostro livello di inglese e lo stile di Sedaris al vostro senso dell’umorismo:

La prova regina di Gianfranco Bangone
durata: 5 ore e un minuto
Un altro audiolibro presente solo su Storytel è questo saggio divulgativo che spiega come si analizza il DNA nelle indagini sui casi di omicidio smontando le false credenze di cui si può essere convinti per aver guardato troppe puntate di CSI. Ogni aspetto del lavoro della polizia scientifica è spiegato partendo da casi reali, in gran parte italiani, tra cui uno che ha avuto sviluppi recenti, quello della morte di Serena Mollicone, nel 2001.

Verde brillante di Stefano Mancuso e Alessandra Viola
durata: 4 ore e 59 minuti
Per chi volesse ascoltare un saggio ma non si interessa molto del lato scientifico delle indagini un’altra opzione (sempre solo su Storytel) è questo libro sulla “intelligenza delle piante” scritto da uno dei più importanti esperti mondiali del tema, cioè lo scienziato Stefano Mancuso, che ha peraltro curato una delle sezioni dell’attuale Triennale di Milano. Contiene moltissime informazioni, ma sappiate che è letto in modo piuttosto piatto, quindi è adatto solo se l’argomento vi interessa davvero.

L’arte di collezionare mosche di Fredrik Sjöberg
durata: 5 ore e 41 minuti
È il libro che ha fatto conoscere lo svedese Sjöberg, creandogli una nicchia di ammiratori. Mescola autobiografia, aneddoti sul collezionismo e sui sirfidi, una famiglia di insetti, alla storia dell’entomologo René Malaise (1892-1978), che ebbe una vita rocambolesca e inventò una trappola per mosche ancora usatissima e che da lui prende il nome. Questa descrizione potrebbe farvi pensare che non vi interessa nulla di questi argomenti, ma l’abilità di Sjöberg sta proprio nel farvici appassionare.

Il lamento di Portnoy di Philip Roth
durata: 8 ore
Certi audiolibri dopo averli ascoltati vi fanno pensare che nessun’altra voce oltre a quella che avete sentito sarebbe stata adatta a leggerli. È il caso di Il lamento di Portnoy, il terzo romanzo di Philip Roth, letto da Luca Marinelli. È un lungo – forse più adatto agli “ascoltatori di audiolibri forti”, ma se volete provare a mettervi alla prova può andare bene – e coinvolgente monologo che il protagonista, l’americano di origine ebraica Alexander Portnoy, fa al suo psicanalista, raccontandogli la sua vita. Si parla molto di sesso ed è parecchio divertente. È disponibile anche su Audible e c’è in versione CD.

Qui potete farvi un’idea di com’è:

Come fermare il tempo di Matt Haig
durata: 9 ore e 25 minuti
Narrato da Neri Marcorè, è un altro lungo romanzo, uscito in italiano l’anno scorso. Molto più leggero, racconta una storia fantastica: quella di un uomo nato alla fine del Seicento e ancora vivo (e con un aspetto da quarantenne) ai giorni nostri per via di una strana condizione. La storia non è particolarmente originale, ma tiene compagnia e ha varie ripetizioni: sembrerebbe un lato negativo, ma permette di distrarsi ogni tanto. C’è anche in versione CD.

Il libro del mare di Morten A. Strøksnes
durata: 10 ore e 5 minuti
Come gli altri libri pubblicati da Iperborea, la casa editrice specializzata in letterature del nord Europa, la versione audio di questo è disponibile solo su Storytel. È molto lungo, ma essendo un misto di autobiografia e testo di divulgazione sullo squalo della Groenlandia – quello che può arrivare a vivere molti secoli – e altre creature marine, è facile da seguire e comodo da mettere in pausa. Raffaele Fallica, il lettore, ha proprio una di quelle voci da cui vorreste farvi raccontare qualcosa.

Limonov di Emmanuel Carrère
durata: 12 ore e 48 minuti
Per finire un’altra lettura coinvolgente, letta da un attore famoso: Claudio Santamaria. Limonov è un altro dei grandi successi editoriali dell’ultimo decennio, quindi non ha bisogno di molte presentazioni. Proprio per il carattere avventuroso della storia che racconta dovrebbe tenervi svegli mentre siete bloccati vicino al casello di Sasso Marconi. Se vi interessa la versione in CD, la trovate qui.

Un’alternativa gratuita alle piattaforme di audiolibri
Se vi interessa provare ad ascoltare audiolibri durante le vacanze, ma le piattaforme non vi convincono, potete ascoltarne qualcuno, gratuitamente, dall’archivio di Ad Alta Voce di Radio 3, ricchissimo di classici: parte dell’archivio si può scaricare facilmente sugli smartphone grazie alle app Podcast (su dispositivi iOS) e Google Podcast (Android). Oggi finirà la lettura di Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams, ad esempio, letto da Valerio Aprea e perfetto se vi piacerebbe provare qualcosa di divertente e/o fantascientifico.

***

Disclaimer. Lo ripetiamo anche se probabilmente si era già capito: il Post ha un’affiliazione con Storytel e ottiene un piccolo ricavo se decidete di provare il servizio di streaming partendo dal link di questa pagina, che vi permette di avere 30 giorni di prova gratuita invece di 14. Ma potete anche cercarlo su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.