Il video del figlio di Salvini su una moto d’acqua della Polizia

Lo ha pubblicato Repubblica, e mostra anche due poliziotti chiedere insistentemente al cronista di non riprendere

Repubblica ha pubblicato un video che mostra il figlio 16enne del ministro dell’Interno Matteo Salvini mentre viene portato a fare un giro a bordo di una moto d’acqua della Polizia, sulla spiaggia di Milano Marittima, in Emilia-Romagna. Nel video, che mostra all’inizio anche lo stesso Salvini mentre si scatta delle foto con i poliziotti, si vedono anche due uomini in costume che, dopo essersi qualificati a loro volta come poliziotti, chiedono con insistenza al cronista di Repubblica di smettere di riprendere. Alle richieste di spiegazioni, i due rispondono genericamente di «non riprendere un mezzo della Polizia di Stato, perché mette in difficoltà tutti quanti noi». Quando il cronista chiede chi ci sia a bordo della moto d’acqua, il poliziotto risponde che il suo collega è da solo, nonostante ci sia evidentemente con lui un ragazzo, identificato da Repubblica come il figlio di Salvini. Martedì sera, Salvini ha commentato l’episodio: «Errore mio da papà, nessuna responsabilità va data ai poliziotti, che anzi ringrazio perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese».

Dopo la pubblicazione del video, la Questura di Ravenna ha detto che sta facendo degli accertamenti per verificare se ci sia stato un uso improprio del mezzo. Il video è stato commentato da alcuni esponenti dell’opposizione, tra cui i deputati del Partito Democratico Maria Elena Boschi e Andrea Romano, che ha definito la vicenda «un’umiliazione per tutti».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.