Due carabinieri nel posto dove è stato ucciso Mario Cerciello Rega (AP Photo/Paolo Santalucia)
  • Italia
  • lunedì 29 luglio 2019

Non sappiamo ancora molte cose sull’uccisione del carabiniere a Roma

Le ricostruzioni di procura e carabinieri contengono ancora passaggi contraddittori e difficili da spiegare: la storia dall'inizio, in ordine e nel suo contesto

Due carabinieri nel posto dove è stato ucciso Mario Cerciello Rega (AP Photo/Paolo Santalucia)

Anche oggi i giornali offrono nuove ricostruzioni intorno alla morte del carabiniere Mario Cerciello Rega, ucciso nella notte fra giovedì 25 e venerdì 26 luglio nel centro di Roma durante un’operazione in borghese. I principali sospettati per l’omicidio, due turisti statunitensi di 18 e 19 anni, sono stati arrestati e secondo i carabinieri hanno confessato, mentre l’autopsia sul corpo di Cerciello Rega ha dato conferme sulle cause della sua morte. Su tutto quello che è successo prima dell’omicidio c’è invece meno chiarezza. Le informazioni che circolano, spesso ancora lacunose o contraddittorie, arrivano dai carabinieri, dalla procura e da fonti dei giornalisti: vanno prese con cautela, perché sono già cambiate più volte nei giorni scorsi – niente esclude che cambino ancora domani – e bisognerà capire se sono dimostrabili e se in sede di processo verranno contestate dalla difesa.

Leggi anche: Cosa sappiamo della foto che mostra Natale-Hjorth bendato e ammanettato.

I due statunitensi accusati per l’omicidio sono stati identificati come Gabriel Christian Natale-Hjorth e Finnegan Lee Elder, hanno rispettivamente 18 e 19 anni e sono nati entrambi a San Francisco, in California. Natale-Hjorth si trovava in Italia da qualche tempo per turismo e per visitare dei parenti, scrivono i giornali, mentre Elder lo aveva raggiunto successivamente. I due avevano preso una camera all’albergo Le Meridien Visconti, non lontano da Piazza Cavour, a Roma.

A grandi linee, la ricostruzione di quello che è successo tra giovedì e venerdì scorso è questa: Natale-Hjorth e Elder provano a comprare della cocaina, vengono truffati e provano a ricattare lo spacciatore; quest’ultimo però decide di chiamare i carabinieri, che nel tentativo di risolvere la situazione vengono aggrediti da Natale-Hjorth e Elder. Su come siano andate le cose passo passo, e sul perché i protagonisti di questa storia – sia i ragazzi che i carabinieri – si siano comportati come sembra abbiano fatto, non c’è invece ancora completa chiarezza e ci sono versioni discordanti.

Natale-Hjorth, Elder e Brugiatelli
La sera di giovedì 25 luglio, hanno ricostruito i carabinieri, Natale-Hjorth e Elder avevano deciso di acquistare della cocaina e si erano rivolti a uno spacciatore che era stato loro indicato da Sergio Brugiatelli, un 47enne romano con piccoli precedenti che i giornali descrivono come un “broker del piccolo spaccio” e un “mediatore” degli spacciatori. Non è chiaro se fossero stati Natale-Hjorth e Elder a cercare Brugiatelli, come sostiene Brugiatelli, o se fosse stato quest’ultimo ad avvicinarli in strada offrendogli della droga (non è una cosa inusuale), ma sembra certo che Brugiatelli si sia limitato a indicare ai due statunitensi dove trovare uno spacciatore, in piazza Mastai, nel quartiere di Trastevere (famoso per i bar e la vita notturna). Un video ripreso da telecamere di sicurezza sembra mostrare Brugiatelli e i due statunitensi insieme, giovedì pomeriggio.

Il tentativo di comprare cocaina
Da questo punto in poi le versioni della storia cominciano a differire. Inizialmente era stato scritto che Brugiatelli era rimasto in disparte, mentre Natale-Hjorth e Elder erano andati a trattare con lo spacciatore. Oggi i giornali scrivono che mentre Brugiatelli e Natale-Hjorth, che parla un po’ di italiano, andavano a trattare con lo spacciatore (o gli spacciatori, come sostiene il Messaggero), Elder era rimasto ad aspettarli poco lontano, tenendo come “pegno” lo zaino di Brugiatelli, che conteneva un cellulare, soldi e documenti.

I giornali di oggi sembrano concordare sul fatto che, poco dopo aver acquistato una piccola dose di cocaina, Natale-Hjorth si fosse accorto di essere stato truffato e di aver ricevuto una generica polverina bianca (si parla di aspirina tritata, ma non è chiaro da dove arrivi questo dettaglio). Le versioni di quello che è successo dopo differiscono nuovamente.

Al contrario di quanto circolato inizialmente, Repubblica e altri giornali scrivono invece che Natale-Hjorth si era accorto di essere stato truffato subito o comunque poco dopo aver preso la finta droga, ma che in pochi secondi lo spacciatore con cui aveva appena trattato era stato circondato da quattro carabinieri in borghese e fuori servizio “che passavano di lì per caso dopo una serata in pizzeria”. Tra i quattro, per quel che ne sappiamo, non c’erano Cerciello Rega e il suo collega Andrea Varriale, che si sarebbero scontrati dopo con i due statunitensi. Secondo Repubblica i quattro carabinieri in borghese avevano riconosciuto lo spacciatore, che conoscevano ed era stato identificato ma non aveva droga con sé; nel frattempo Natale-Hjorth, spaventato, era scappato di corsa insieme ad Elder, che aveva portato con sé lo zaino di Brugiatelli (per “vendicarsi”, visto che era stato dato come “pegno”).

Secondo il Messaggero, invece, i due statunitensi erano scappati di corsa con lo zaino di Brugiatelli perché gli spacciatori avevano inscenato un litigio con lo scopo di spaventarli e ingannarli, tenendo i soldi: i quattro carabinieri in borghese, nella ricostruzione del Messaggero, avevano quindi provato a raggiungere i due statunitensi in fuga, dopo aver assistito alla scena (non è chiaro se Natale-Hjorth avesse pagato gli spacciatori o no, né perché i carabinieri abbiano deciso di inseguire i due statunitensi e non lo spacciatore, visto che vendere droga è sempre reato ma comprarla non sempre; ma potrebbe essere imprecisa la ricostruzione del Messaggero).

Una nuova versione di come sono andate le cose è invece contenuta nell’ordinanza del gip di Roma Chiara Gallo con cui è stato convalidato l’arresto di Natale-Hjorth ed Elder. Il gip cita infatti lo spacciatore, che è stato arrestato e interrogato domenica, e spiega che poco dopo lo scambio di finta droga non erano intervenuti quattro carabinieri, ma due carabinieri che viaggiavano su una moto scura. Lo spacciatore ha inoltre raccontato che Brugiatelli era arrivato in compagnia di due stranieri – uno era un ragazzo egiziano di nome Tamer, che lo spacciatore aveva già visto, l’altro era uno sconosciuto (probabilmente Natale-Hjorth) – e che all’arrivo dei carabinieri i tre si erano allontanati insieme.

La telefonata al 112
A questo punto, secondo le diverse versioni della storia, la situazione è comunque questa: Elder e Natale-Hjorth sono scappati con lo zaino di Brugiatelli (c’è un video che li mostrerebbe correre con uno zaino in mano), Brugiatelli è a Trastevere e lo spacciatore è scappato. Da qui in poi, nuovamente, è difficile capire con certezza cosa sia successo, ma c’è almeno un punto fermo: due telefonate tra Brugiatelli e la centrale operativa dei carabinieri. E poi c’è la ricostruzione di quello che è successo fatta dal gip di Roma, raccogliendo anche la testimonianza di Varriale.

Le prime ricostruzioni dei giornali sostenevano che dopo aver perso lo zaino, giovedì sera, Brugiatelli aveva chiamato il 112, che lo aveva messo in contatto con i carabinieri: al telefono aveva spiegato di essere stato derubato dello zaino con soldi, documenti e il suo cellulare, e di essere stato ricattato dai ladri, che gli avevano chiesto 100 euro per ottenere la restituzione dello zaino (100 euro sarebbe quanto i due avevano pagato per la finta cocaina).

Nell’ordinanza del gip si dice invece che Varriale era già intervenuto in piazza Mastai e aveva identificato Brugiatelli prima che quest’ultimo chiamasse il 112, intorno all’1 di notte: a chiamare Varriale, ha scritto il gip, sarebbe stato il maresciallo Pasquale Sansone, che era già in piazza Mastai e che al telefono gli aveva detto che «si trovava sul posto insieme ad altri operanti per la ricerca di un soggetto che si era sottratto all’identificazione dandosi alla fuga dopo aver consegnato ai militari un involucro di colore bianco contenente una compressa di tachipirina» (Sansone potrebbe quindi essere stato uno dei quattro agenti fuori servizio di cui hanno scritto i giornali di oggi, ma questo non è chiaro).

Sempre dall’ordinanza del gip si legge che Varriale a quel punto aveva identificato Brugiatelli e gli aveva consigliato di sporgere denuncia per il furto in caserma, chiudendola lì. In questa ricostruzione, Brugiatelli non aveva raccontato a Varriale del riscatto chiesto per lo zaino (forse non era stato ancora chiesto) e la telefonata di Brugiatelli al 112 sarebbe stata una sua iniziativa successiva. Secondo il gip, però, Brugiatelli aveva già detto a Varriale di sospettare che i due uomini che gli avevano rubato lo zaino fossero americani (giudicando il loro accento). Un’ulteriore ricostruzione della procura di Roma, riportata da AGI, sostiene che in quel primo intervento Varriale fosse stato accompagnato da Cerciello Rega.

Comunque sia andato con il primo contatto con Varriale, Brugiatelli aveava poi deciso di chiamare il 112 e poco dopo i carabinieri lo avevano richiamato e un’altra persona gli aveva chiesto conferma della storia, spiegandogli che se i ladri fossero ancora lì con lui avrebbe fatto intervenire una pattuglia in borghese. Quando Brugiatelli aveva confermato che i ladri erano scappati, il carabiniere aveva detto che allora una volante lo avrebbe raggiunto a Trastevere, in piazza Gioacchino Belli. Gli audio delle telefonate sono stati diffusi.

Inizialmente si era molto dubitato di questa ricostruzione, perché sembrava improbabile che una persona coinvolta in giri di spaccio avesse deciso di chiedere aiuto ai carabinieri, ma gli audio delle telefonate confermano questa parte della storia. Secondo il Messaggero, a suggerire a Brugiatelli di chiamare il 112 erano stati proprio i quattro carabinieri fuori servizio intervenuti a Trastevere, ma la versione non è al momento confermata da altre fonti e sembra cozzare con quella fatta dal gip di Roma.

Non è infine chiaro come Brugiatelli avesse ricevuto da Natale-Hjorth e Elder l’offerta del riscatto: nella telefonata con i carabinieri spiega di stare usando il telefono di un passante (un senzatetto, scrivono i giornali). È possibile – ma andrà verificato – che prima di chiamare il 112 lo avesse usato per chiamare il suo cellulare, che si trovava nello zaino rubato, e che i due avessero risposto.

L’intervento di Mario Cerciello Rega
Quello che è successo dopo le telefonate di Brugiatelli con i carabinieri è nuovamente confuso. Nel fine settimana alcuni giornali avevano scritto che Cerciello Rega e il suo collega Andrea Varriale erano intervenuti in soccorso di Brugiatelli perché quest’ultimo era un loro informatore. Oggi Repubblica ha una versione diversa, ottenuta dai carabinieri: sembra che alla prima pattuglia che lo aveva raggiunto dopo la telefonata al 112, Brugiatelli avesse ripetuto la storia dello zaino rubato e del riscatto chiesto dai ladri, identificati inizialmente come due nordafricani. È la cosiddetta estorsione del «cavallo di ritorno», per cui il ladro di un bene punta a restituirlo al suo proprietario in cambio di denaro. Secondo Repubblica, Brugiatelli non aveva spiegato ai carabinieri la dinamica del furto, né la questione della truffa con la droga falsa, né i rapporti che già aveva avuto con i due ladri. I carabinieri hanno invece smentito che Brugiatelli fosse un loro informatore.

Credendo alla sua storia, i carabinieri avevano fatto allora intervenire una pattuglia in borghese, formata da Cerciello Rega e da Varriale (che secondo il gip era già intervenuto una prima volta per la stessa storia). Erano passate le due di notte e tramite il cellulare rubato a Brugiatelli, i due si erano messi in contatto con Elder e Natale-Hjorth – che secondo altre testimonianze erano intanto tornati in albergo – e avevano dato loro appuntamento in via Pietro Cossa, vicino all’hotel dei due statunitensi, fingendo di voler pagare il riscatto. Brugiatelli aveva accompagnato Cerciello Rega e Varriale all’appuntamento, ma era rimasto nascosto in disparte, vicino all’auto di servizio dei carabinieri, ha scritto il gip nella sua ricostruzione. Secondo Repubblica Cerciello Rega e Varriale erano in borghese ma armati, mentre ieri Fanpage scriveva che erano disarmati e fuori servizio. Il Messaggero scrive che poco distante c’erano pattuglie dei carabinieri di rinforzo, pronte a intervenire in caso di bisogno, ma che non potevano vedere quello che accadeva. La ricostruzione di quello che sappiamo su cosa sia successo a questo punto arriva quindi da Varriale, mentre non è ancora chiaro con precisione cosa abbiano detto Natale-Hjorth e Elder.

Secondo Varriale, lui e Cerciello Rega si erano subito identificati come carabinieri con i due statunitensi, che avevano allora provato a fuggire. Secondo i giornali, i due americani hanno sostenuto che i carabinieri non si fossero identificati come tali. Varriale e Cerciello Rega erano riusciti a bloccarli e ne era venuto fuori un breve tafferuglio. Elder a quel punto aveva tirato fuori un coltello e aveva colpito Cerciello Rega per 11 volte (così ha stabilito l’autopsia), riuscendo poi a scappare con l’amico. Cerciello Rega era stato soccorso da Varriale, ma era morto poco dopo. La colluttazione sarebbe durata circa un minuto, dice Repubblica, non abbastanza per fare intervenire le pattuglie di soccorso di cui parla il Messaggero. Un altro passaggio della testimonianza di Varriale – quando dice che dopo l’aggressione aveva chiamato la centrale operativa – mette comunque in dubbio la presenza di altre pattuglie nelle vicinanze.

Dalle informazioni pubblicate oggi da Repubblica si può immaginare una certa confusione e coltellate date un po’ a caso durante un tafferuglio. Il Corriere della Sera, citando i risultati dell’autopsia, dice invece che Cerciello Rega è stato ucciso mentre veniva tenuto fermo da dietro: «Un’azione più da marine che non da studente di 19 anni con un fisico nella norma». Secondo il Corriere, in particolare, non è chiaro come sia stato possibile che i due carabinieri armati di pistola non siano riusciti a difendersi da due adolescenti non particolarmente robusti, né come sia riuscito Elder a bloccare Cerciello Rega da dietro e accoltellarlo. Nella sua ricostruzione dell’omicidio, il gip scrive che Elder ha detto di aver usato il coltello per autodifesa, dopo essersi sentito strangolare da qualcuno alle sue spalle; il gip ha però scritto che sul collo di Elder non sono stati trovati segni compatibili con uno strangolamento.

Il giornali, per giustificare l’efferatezza dell’omicidio, citano il fatto che nella stanza di albergo dei due americani siano stati trovati dei farmaci ansiolitici (lo Xanax, un famoso sedativo) e bottiglie di alcolici, ma non è chiaro in che condizioni psicofisiche fossero i due al momento dell’omicidio.

Non è nemmeno chiaro come mai inizialmente Varriale avesse confermato la storia dei due nordafricani, visto che aveva visto dal vivo i due statunitensi e ci aveva probabilmente anche parlato. Il comandante provinciale dei carabinieri di Roma Francesco Gargaro ha spiegato a Repubblica che Varriale «si è confuso. Era in stato di choc. Bisogna capirlo».

Non è ancora chiaro nemmeno da dove arrivasse il coltello usato, descritto come molto lungo. L’ipotesi che fanno i giornali oggi è che i due lo avessero portato in aereo dagli Stati Uniti, imbarcandolo nella stiva dell’aereo, ma non è ben chiaro come mai lo avessero fatto.

L’arresto di Elder e Natale-Hjorth
Dopo aver ucciso Cerciello Rega, Elder e Natale-Hjorth sono rientrati in albergo. Lo mostrerebbero i filmati delle telecamere di sicurezza del loro albergo e la testimonianza di un dipendente dell’hotel. Per quanto plausibile, visto il caos di quelle ore e il fatto che l’aggressione non fosse premeditata, non è completamente chiaro perché i due siano tornati in albergo, dove erano facilmente rintracciabili, pur potendo immaginare di essere ricercati: peraltro portandosi dietro il coltello con cui avevano ucciso un carabiniere. I due sono stati rintracciati grazie al telefono di Brugiatelli, trovato nello zaino rubato e nascosto in una fioriera vicino all’albergo. Elder e Natale-Hjorth sono stati fermati mentre si trovavano ancora nella loro camera, dove è stato trovato il coltello che avevano usato e dove sono state scattate le prime foto di loro circolate nel fine settimana. Secondo il Giudice per le indagini preliminari, citato da Repubblica, al momento dell’arresto Elder e Natale-Hjorth erano “in procinto” di lasciare l’albergo per far perdere le loro tracce.

In ordine, quindi cosa non sappiamo

– Non è chiaro se siano stati Natale-Hjorth e Elder a cercare Brugiatelli, il “mediatore” tra loro e lo spacciatore, o se fosse stato quest’ultimo ad avvicinarli in strada.

– Non è chiaro se Natale-Hjorth avesse pagato gli spacciatori o no per l’acquisto della finta droga, quando si era accorto della truffa.

– Non è chiaro quale sia stato il ruolo dei quattro carabinieri fuori servizio intervenuti dopo la compravendita della finta droga.

– Non è chiaro perché Brugiatelli abbia deciso di chiamare i carabinieri, benché coinvolto nello spaccio di droga.

– Non è chiaro perché abbia deciso di farlo dopo che aveva già parlato con Varriale, che gli aveva consigliato di denunciare il furto in una caserma.

– Non è chiaro se Varriale e Cerciello Rega si siano identificati come carabinieri.

– Non è chiaro da cosa sia nata la rissa.

– Non è chiaro come due carabinieri armati di pistola non siano riusciti a difendersi da due adolescenti non particolarmente robusti.

– Non è chiaro perché il secondo carabiniere, Varriale, pur avendo visto gli statunitensi e averci parlato abbia accusato dei “nordafricani” dopo l’omicidio.

– Non è chiaro da dove arrivi il coltello usato dagli statunitensi.

Le ultime novità
I giornali hanno scritto che domenica è stato arrestato lo spacciatore che avrebbe venduto a Natale-Hjorth ed Elder la finta cocaina, e dicono che è un cittadino italiano. Al momento non sembrano quindi esserci conferme del fatto che gli spacciatori fossero più di uno, come sostenuto dal Messaggero. Ieri è stata aperta la camera ardente per Mario Cerciello Rega, mentre oggi ci saranno i suoi funerali, che saranno trasmessi in diretta da Rai Uno a partire dalle 11.55.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.