(AP Photo/Martin Meissner)

Weekly Beasts

Una raccolta bestiale fatta di tamia, rane arlecchino, orsi del sole e gechi leopardini; per fortuna ci sono anche un cane e un gatto

(AP Photo/Martin Meissner)

Come lo chiamate voi Alvin Superstar? Scoiattolo striato, tamia, chipmunk? Comunque lo chiamiate lo troverete nella raccolta delle bestie fotogeniche della settimana (insieme al suo bagigio-arachide-nocciolina).

Attenzione, bestie fotogeniche e non per forza belle: l’orso della Malesia, conosciuto anche come orso del sole, non lo è ma meritava decisamente di essere fotografato; anche solo per scrivere il suo nome malese, “colui che preferisce sedersi in alto”. Intanto il grande caldo è arrivato anche nel mondo animale, che si arrangia a sopportarlo come può: un orso polare in acqua a pancia all’aria, una foca che occhieggia il Mare del Nord e un cane bagnato dagli schizzi di un’idrante. Potreste non aver mai visto una brillante rana arlecchino (è velenosa) o un geco leopardino, magari neppure un fenicottero con il suo pulcino; Larry, il gatto di Downing Street, invece ha l’aria di averne viste tante, mentre sonnecchia annoiato sui gradini della residenza del primo ministro britannico: loro cambiano, lui no.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.