• Italia
  • martedì 23 luglio 2019

Un peschereccio italiano è stato sequestrato in Libia

Un peschereccio italiano – il “Tramontana”, di Mazara del Vallo – è stato sequestrato da una motovedetta libica nel Golfo della Sirte, ed è stato costretto a dirigersi verso il porto di Misurata. Lo ha fatto sapere il ministero degli Esteri: la notizia è stata confermata dall’ambasciata italiana a Tripoli.
«Non sono ancora chiare le ragioni del sequestro, verosimilmente legate ad attività di pesca, in acque peraltro definite ad “alto rischio” e dunque sconsigliate da parte del Comitato Interministeriale per la Sicurezza dei Trasporti e delle Infrastrutture», dice la nota della Farnesina.
A bordo del peschereccio ci sarebbero sette persone: cinque italiani e due tunisini. È stato bloccato nelle prime ore del pomeriggio. L’allarme è stato dato dall’equipaggio di un altro peschereccio che si trovava nella stessa zona.

Un peschereccio italiano sequestrato nel 2017 da motovedette libiche (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.