• Sport
  • domenica 21 luglio 2019

Un alpinista italiano è ferito e bloccato sul Gasherbrum VII, una montagna del Karakorum in Pakistan

Francesco Cassardo, medico e alpinista di Pinerolo, è ferito gravemente e bloccato lungo la parete del Gasherbrum VII, una montagna di 6.955 nel massiccio del Karakorum, in Pakistan. Da ieri si aspetta che un elicottero di soccorso prelevi al campo base l’alpinista Marco Confortola e che poi raggiunga Cassardo in parete, ma vari problemi non l’hanno finora reso possibile. Domenica pomeriggio lo hanno raggiunto i due alpinisti Denis Urubko e Don Bowie, che sembrano intenzionati a portare giù Cassardo a piedi insieme ad altri due alpinisti polacchi in arrivo.

Cassardo, che aveva scalato la montagna con l’alpinista Cala Cimenti, è caduto durante la discesa con gli sci, procurandosi diverse ferite. Cimenti ha spiegato su Facebook che le sue condizioni sono «gravi ma stazionarie», e che è rimasto cosciente. Dopo l’incidente, Cimenti è sceso al campo base per recuperare il materiale necessario, ed è poi tornato da Cassardo per passare la prima notte con lui a circa 6.300 metri. Il giorno successivo, domenica, ci sono stati dei ritardi e delle complicazioni burocratiche e l’elicottero del soccorso non è partito. La pagina Facebook di Cimenti aveva inizialmente spiegato che i problemi sembravano risolti, ma ha poi detto che la situazione non si sta sbloccando e che per questo si teme che Cassardo e Cimenti debbano passare una seconda notte oltre i seimila metri.

(Wikipedia)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.