È morto l’architetto César Pelli

Progettò le Petronas Towers di Kuala Lumpur e la torre UniCredit di Milano, aveva 92 anni

Venerdì è morto l’architetto argentino naturalizzato statunitense César Pelli, progettista, tra le altre cose, delle Petronas Towers di Kuala Lumpur, in Malesia, che dal 1996 al 2004 sono state gli edifici più alti del mondo, e della Torre Unicredit di Milano, il più alto grattacielo italiano. Pelli aveva 92 anni; la sua morte è stata comunicata su Twitter da Juan Manzur, governatore della provincia di Tucuman, dove Pelli era cresciuto.

Le Petronas Tower di Kuala Lumpur, in Malesia. (Chris Hondros/Getty Images)

Pelli viveva negli Stati Uniti dal 1952 e negli anni aveva insegnato alla facoltà di architettura dell’Università di Yale, di cui è stato preside. Oltre alla Torre UniCredit, Pelli progettò l’intero “master plan” dell’area di Porta Nuova Garibaldi. Tra le sue altre opere più conosciute ci sono poi, ad esempio, il Museo Nazionale d’Arte di Osaka, in Giappone, e il grattacielo One Canada Square di Londra.

La torre UniCredit, a sinistra, e l’area di Porta Nuova a Milano. (AP Photo/Luca Bruno)

 

L'architetto argentino-americano César Pelli durante una conferenza al National Building Museum di Washington nel 2010 (National Building Museum)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.