• Mondo
  • sabato 20 luglio 2019

I morti nel rogo allo studio Kyoto Animation sono saliti a 34

I morti nel rogo alla sede della Kyoto Animation, lo studio di animazione giapponese incendiato giovedì da un uomo identificato ieri come Aoba Shinji, sono saliti a 34: sabato una delle persone ferite è morta in ospedale. Le identità delle vittime non sono ancora state diffuse, ma sappiamo che tra di loro ci sono molte donne (lo studio era noto anche per essere molto attento alle politiche di genere).

Sappiamo ancora poco delle motivazioni di Aoba, attualmente ricoverato per delle gravi ustioni riportate nell’incendio: dalle prime ricostruzioni, però, sembra che al momento dell’arresto stesse urlando che lo studio gli aveva rubato delle idee. Sembra che potesse nutrire da tempo un qualche tipo di risentimento nei confronti dello studio, ma non è chiaro se lo avesse minacciato in passato. Aoba aveva passato 3 anni e mezzo in prigione per aver rapinato un supermercato nel 2012.

(AP Photo/Jae C. Hong)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.