• Mondo
  • venerdì 19 luglio 2019

La Corte Suprema olandese ha stabilito che i Paesi Bassi ebbero una «responsabilità molto limitata» nella morte di almeno 350 persone nel massacro di Srebrenica

La Corte Suprema olandese ha stabilito che i Paesi Bassi ebbero una «responsabilità molto limitata» nel massacro di Srebrenica, la strage più grave avvenuta in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale, in cui nel 1995 morirono almeno 8mila persone. Secondo la Corte Suprema, i Paesi Bassi ebbero una responsabilità quantificabile al 10 per cento sulla morte di circa 350 persone, dopo che nel 2017 la stessa corte aveva quantificato la responsabilità al 30 per cento. La percentuale è importante soprattutto perché è in base a questa che i parenti delle vittime possono ottenere un risarcimento.

Durante la guerra che si combatteva in quegli anni in Jugoslavia, i soldati dei Paesi Bassi facevano parte della missione di pace delle Nazioni Unite. Alcuni di loro – che si trovavano nell’area di Srebrenica, una città musulmana in una regione a maggioranza serba della Bosnia – non opposero resistenza alle forze serbo-bosniache guidate dal generale Ratko Mladic, che poterono così uccidere deliberatamente i musulmani bosniaci che si erano rifugiati lì.

Cosa fu il massacro di Srebrenica

Il memoriale di Potocari con 600 bare di persone uccise nella strage di Srebrenica seppellite qui nel 2003. (AP Photo/Sava Radovanovic)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.