L’utile netto di Swatch è calato dell’11,3 per cento negli ultimi sei mesi, anche a causa della crisi a Hong Kong

Il gruppo svizzero di aziende di orologi Swatch – che oltre all’omonima Swatch è anche proprietario di Longines, Omega e Tissot – ha registrato un calo dell’utile netto dell’11,3 per cento nei primi sei mesi del 2019: tra le ragioni c’è anche la crisi politica degli ultimi mesi a Hong Kong, che ha comportato un calo delle vendite in quel mercato, uno dei più importanti per gli orologi svizzeri, del 2,3 per cento. In generale le vendite sono diminuite del 4,4 per cento, arrivando a 3,7 miliardi di euro, e l’utile netto è calato da 422 a 375 milioni di euro.

Swatch ha detto di essere cresciuto nei suoi mercati più importanti – la Cina, il Giappone e gli Stati Uniti – e in tutte le fasce di prezzo (dagli Swatch di plastica ai costosi Breguet) ma di essere stato danneggiato dalla crisi a Hong Kong, uno dei mercati più importanti per gli orologi svizzeri. Hanno pesato anche le misure prese per contrastare il mercato nero e la rivendita dei suoi orologi in canali non ufficiali, che ha comportato una diminuzione dei ricavi di centinaia di migliaia di euro. L’azienda ha però detto che «nel lungo termine avrà effetti positivi soprattutto nei mercati principali».

(Imaginechina via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.