Google ha rimosso il sito di “secondary ticketing” Viagogo dagli annunci che compaiono in testa alle ricerche

Google ha rimosso Viagogo, il noto sito di secondary ticketing – conosciuto in Italia come “bagarinaggio legale” – dagli annunci pubblicitari che compaiono in testa alle ricerche. La decisione è arrivata dopo le crescenti pressioni in questo senso e le esplicite richieste di alcune associazioni e alcuni deputati britannici. I link a Viagogo compaiono ancora nelle ricerche, ma non più nella sezione in testa riservata ai siti che hanno pagato per un’inserzione pubblicitaria: questi annunci sono spesso i risultati più cliccati dagli utenti, e compaiono spesso prima di quelli dei rivenditori ufficiali. La rimozione vale per tutto il mondo, a partire da oggi. Google ha motivato la scelta spiegando genericamente che Viagogo infrangeva i suoi regolamenti per gli inserzionisti.

Da anni ormai aumentano le pressioni perché le autorità competenti e le società del settore dell’intrattenimento facciano qualcosa per bloccare il business del secondary ticketing, cioè la pratica di quelle società che comprano grandi quantità di biglietti per concerti ed eventi di vario tipo rivendendoli poi a prezzi maggiorati. Da alcuni giorni, nel Regno Unito, l’autorità competente sulla concorrenza ha avviato un’azione legale contro Viagogo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.