• Mondo
  • martedì 16 luglio 2019

Il sindaco di Londra ha bloccato il progetto del nuovo grattacielo disegnato da Norman Foster

Il sindaco di Londra ha bloccato il progetto di costruzione di un grattacielo a forma di tulipano – disegnato dallo studio del famoso architetto britannico Norman Foster – che sarebbe dovuto sorgere nel centro della città, a poca distanza dal London Bridge. La torre avrebbe dovuto chiamarsi “The Tulip” per via della sua forma (che ad alcuni ricorda però quella di un bastoncino di cotone) e avrebbe dovuto avere un’altezza superiore ai 300 metri. Una volta ultimata, sarebbe diventata il secondo edificio più alto d’Europa: poco più bassa di un altro grattacielo londinese, The Shard, inaugurato nel 2012.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan, però, dopo settimane di studio, ha fatto sapere tramite il suo portavoce di non considerare il design della torre di qualità sufficiente per il luogo in cui avrebbe dovuto essere costruita. Inoltre ha fatto sapere che l’impatto estetico della torre sarebbe stato troppo forte, con il rischio di danneggiare la visuale della vicina Torre di Londra e di altri siti tutelati dall’UNESCO. I lavori avrebbero dovuto essere portati avanti dallo studio Foster e dal Safra Group, un importante conglomerato che controlla altri grattacieli in città, e sarebbero dovuti cominciare nel 2020 per finire nel 2025. Non è chiaro se il progetto sarà abbandonato del tutto o sostituito da una nuova proposta.

(Foster + Partners)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.