• Mondo
  • martedì 16 luglio 2019

La polizia norvegese ha arrestato un mullah su richiesta delle autorità italiane, dopo che una Corte di Bolzano lo aveva condannato per terrorismo

La polizia norvegese ha arrestato un mullah su richiesta delle autorità italiane e dopo che la Corte di Assise di Bolzano lo aveva condannato lunedì 15 luglio a 12 anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata al terrorismo. Najmuddin Farah Ahmad, conosciuto anche come mullah Krekar, ha 63 anni, è un curdo iracheno, e risiede in Norvegia dall’inizio degli anni Novanta. Fondatore di un’organizzazione jihadista vicina ad al Qaida (Ansar al-Islam che mirava a creare un califfato islamico nel Kurdistan iracheno), ha fondato anche Rawti Shax, un’associazione terroristica legata allo Stato Islamico. In Norvegia aveva già ricevuto diverse condanne. Poco prima dell’arresto il mullah aveva criticato la sentenza della Corte di Bolzano con un tweet.

Il mullah Krekar (al centro), su un furgone della polizia il 27 marzo 2012 a Oslo, in Norvegia. (Hakon Mosvold Larsen/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.