Sono state ritrovate tre sceneggiature inedite di Stanley Kubrick

Furono scritte tra il 1954 e il 1956 e parlano del matrimonio e delle sue delusioni

Il Guardian scrive che sono state ritrovate tre sceneggiature finora sconosciute del regista statunitense Stanley Kubrick, tra i più famosi e apprezzati di sempre, autore di 13 film tra cui Arancia meccanica, Shining e Eyes Wide Shut. Sono state scoperte nella sua casa nell’Hertfordshire, in Inghilterra, e da poco trasferite all’archivio dedicato a Kubrick alla University of the Arts di Londra. Furono scritte tra il 1954 e il 1956, quando il regista stava attraversando un periodo difficile con la seconda moglie, l’attrice e ballerina Ruth Sobotka, da cui divorziò nel 1958.

Una sceneggiatura, dal titolo Married Man (Uomo sposato), affronta il tema del matrimonio e delle sue delusioni, in 35 pagine dattiloscritte, con note a mano scritte a margine e altre pagine scritte sempre a mano; un’altra The Perfect Marriage (Il matrimonio perfetto) ha sette pagine di scene e note a mano; la terza, Jealousy (Gelosia), ha 13 pagine di materiale scritto a macchina e a mano in cui sviluppa una storia di risentimento tra marito e moglie. In particolare, Married Man inizia così:

«Il matrimonio è come un lungo pasto con il dessert servito all’inizio. Immaginate gli orrori di vivere con una donna che ti si appiccica come una ventosa, la cui vita ruota attorno a te, mattina, pomeriggio e sera? È come annegare in un mare di piume. Sprofondare sempre più a fondo nelle profondità soffocanti dell’abitudine e della familiarità. Se solo avesse lottato in qualche modo. Se si fosse arrabbiata o se si fosse ingelosita, anche una volta soltanto. L’altra notte sono andato a farmi una passeggiata, subito dopo cena. Sono tornato a casa alle due del mattino. Non chiedermi dove sono andato».

Stanley Kubrick (Evening Standard/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.