• Mondo
  • venerdì 12 luglio 2019

Le Maldive della Siberia

Vicino a Novosibirsk c'è un lago dalle acque turchesi dove vanno in tanti a farsi fotografare: in realtà è il sito in cui una centrale elettrica scarica i suoi rifiuti

Novosibirsk, 11 luglio (Rostislav NETISOV/AFP/LaPresse)

In Siberia c’è un lago dalle acque così azzurre da meritare il soprannome di Maldive di Novosibirsk, che è la terza città più popolosa della Russia con 1,6 milioni di abitanti. A cercarlo su Instagram, è pieno di fotografie di persone in costume da bagno e anche coppie di neo-sposi in posa davanti alle distese turchesi. Il lago però, come ha raccontato il New York Times, è un sito artificiale in cui una centrale elettrica scarica i suoi rifiuti; il colore dell’acqua si deve ai depositi di sali di calcio e di ossidi di metallo, come ha spiegato anche la società che gestisce l’impianto.

L’azienda, la Società elettrica siberiana, ha fatto sapere che le acque del lago “non sono velenose” e hanno un “normale” livello di radiazioni, ma ha precisato che l’acqua non è sicura per nuotarci, che è molto acida e che uscire dal lago è complicato perché «il fondo del sito di smaltimento è molto fangoso, quindi se qualcuno finisce lì è molto difficile uscirne». Nonostante questo, decine di persone arrivano lo stesso, soprattutto nei weekend, in cerca di fotografie da condividere sui social; su Instagram il lago ha anche un account, Novosibirsk Maldives, che viene chiamato dai locali anche Maldivinsk. AFP ha parlato con uno di loro, Alexei Cherenkov, che ha pubblicato una sua foto su un gonfiabile a forma di unicorno, e che ha spiegato che «ci sono andato per farmi una bella foto. La nostra città è così grigia, e questo è uno dei pochi “bei” posti vicini».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.