• Mondo
  • mercoledì 3 luglio 2019

Rahul Gandhi si è dimesso da capo del Partito del Congresso indiano

Rahul Gandhi si è dimesso da leader del Partito del Congresso indiano, il principale partito di opposizione del paese. Nella lettera con cui ha annunciato le sue dimissioni, Gandhi si è assunto la responsabilità per la sconfitta subita dal suo partito alle ultime elezioni politiche, che hanno portato alla rielezione del primo ministro conservatore Narendra Modi. Il Partito del Congresso – che si può descrivere come un partito di centrosinistra – ha governato l’India per grandissima parte della sua storia post-coloniale, e Gandhi è l’ultimo esponente di una dinastia politica di grande successo: suo padre, sua nonna e il suo bisnonno sono stati primi ministri del paese (nonostante l’omonimia, non hanno legami di parentela col Mahatma Gandhi). Alle ultime elezioni politiche il Partito del Congresso aveva perso anche nel collegio in cui era candidato Gandhi, nello Uttar Pradesh; nonostante questo Gandhi fa comunque parte del nuovo Parlamento, visto che era candidato anche in un collegio nel Kerala, dove è stato eletto.

Rahul Gandhi e sua sorella Priyanka Gandhi (Atul Loke/ Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.