La NASA ha concluso con successo il suo test più importante per Orion, la capsula che porterà i suoi astronauti sulla Luna

Nella mattina di oggi, la NASA ha effettuato con successo un test di sicurezza per la sua capsula spaziale Orion, l’ultimo e più importante per dimostrarne l’affidabilità in visto del suo impiego per le missioni verso la Luna e nello Spazio profondo. Il test ha riguardato la “torre di espulsione”, un piccolo razzo aggiuntivo attaccato sulla punta dell’involucro che contiene Orion e che si attiva nel caso in cui il razzo più grande che spinge Orion abbia un malfunzionamento tale da mettere a rischio l’incolumità degli astronauti. Come programmato, la torre di espulsione si è attivata poco dopo il lancio, facendo staccare Orion e portandola al sicuro: il test è stato eseguito senza persone a bordo.

La NASA aveva investito svariate centinaia di milioni di dollari per il test di oggi, che conclude la fase più importante di verifica sulla sicurezza di Orion. La capsula entro un paio di anni dovrebbe essere utilizzata insieme allo Space Launch System (SLS), un grande e potente razzo che avrà il compito di lanciarla verso l’orbita lunare, nell’ambito del nuovo programma Artemis per tornare sulla Luna. Artemis 1, il primo test del programma spaziale, sarà eseguito senza equipaggio e fa parte delle iniziative molto ambiziose imposte dal governo di Donald Trump per riportare gli astronauti sulla Luna a partire dal 2024.

(NASA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.