• Mondo
  • martedì 2 luglio 2019

Le prime balene cacciate in Giappone per scopi commerciali dopo 31 anni

Da lunedì in Giappone è nuovamente permessa la caccia alla balena per scopi commerciali, dopo che il paese ha abbandonato il trattato con cui nel 1988 l’aveva vietata. Lunedì, cinque imbarcazioni da pesca hanno lasciato il porto di Kushiro, sull’isola di Hokkaido, e hanno fatto ritorno in serata con le prime balene cacciate: due esemplari di balenottera minore.

La caccia alle balene a scopi commerciali era stata interrotta nel 1986, in seguito a una moratoria imposta dall’International Whaling Commission (IWC), l’organizzazione internazionale che si occupa di regolare la caccia alle balene nel mondo. Il Giappone, che aveva sospeso la pesca delle balene solo nel 1988, aveva continuato a praticare la caccia sostenendo che fosse a scopo di ricerca scientifica, uccidendo ogni anno tra le 200 e le 1.200 balene.

Il governo giapponese aveva cercato di ottenere il permesso di tornare a cacciare i cetacei restando all’interno dell’IWC ma senza successo, così lo scorso dicembre aveva infine deciso di lasciare l’organizzazione annunciando che dall’1 luglio avrebbe ripreso la caccia alle balene a scopi commerciali. Alle baleniere sarà permesso cacciare 227 esemplari di balena entro la fine di quest’anno, ma solo nelle acque territoriali giapponesi e nella zona economica esclusiva del Giappone, mentre finiranno le annuali spedizioni vicino all’Antartide, causa di tensioni con l’Australia. Alle baleniere sarà permesso di cacciare al massimo 25 balenottere minori (Balaenoptera acutorostrata)150 balenottere di Eden (Balaenoptera edeni) e 25 balenottere boreali (Balaenoptera borealis).

Non è chiarissimo perché il Giappone abbia voluto riprendere la caccia alle balene visto che nel paese il consumo di carne di balena è poco popolare e in declino, al punto che il governo deve finanziare il settore che non riesce a sostenersi da solo. Negli anni Sessanta in Giappone si consumavano 200mila tonnellate di carne di balena all’anno, mentre in anni recenti si è arrivati a 5mila tonnellate.

(Kyodo via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.