• Italia
  • mercoledì 26 giugno 2019

La polizia ha sequestrato beni per un milione di euro a Luca Lucci, capo degli ultras del Milan già condannato per spaccio, fotografato qualche mese fa con Matteo Salvini

La polizia ha sequestrato beni per circa un milione di euro a Luca Lucci, capo degli ultras del Milan, fotografato l’anno scorso insieme al ministro dell’Interno Matteo Salvini a un raduno del tifo organizzato del Milan. Qualche mese fa Lucci era stato condannato a un anno e mezzo di carcere per spaccio di droga: secondo i giornali il sequestro è stato eseguito in maniera preventiva per ragioni di «pericolosità sociale» della persona coinvolta, una misura prevista dal codice penale italiano.

Fra i beni sequestrati a Lucci ci sono una casa a Bergamo, un’automobile Audi, alcuni conti correnti ma soprattutto un locale a Sesto San Giovanni chiamato Clan 1899 e considerato dalla polizia «una base operativa per riunioni attinenti il traffico di stupefacenti e per ritiri o consegne di droga anche in contesti di criminalità organizzata», di cui Lucci è il gestore di fatto.

A dicembre, ad alcuni giornalisti che gli chiedevano conto dell’opportunità di incontrare un gruppo che in passato aveva compiuto diverse violenze, Salvini aveva detto che alla festa c’erano «tante persone perbene, pacifiche, tranquille», e che in fondo «io sono un indagato in mezzo agli indagati». Ma Lucci è molto di più che un semplice indagato: nel 2009 fu condannato a quattro anni di carcere per aver fatto perdere un occhio a un tifoso interista durante una rissa. Anni più tardi, secondo le ricostruzioni degli investigatori, era finito al centro di un giro di spaccio messo in piedi dalla criminalità organizzata calabrese e albanese.

(ANSA / MATTEO BAZZI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.