• Mondo
  • martedì 18 giugno 2019

Il governo di Berlino ha approvato un piano per bloccare l’aumento degli affitti di 1,5 milioni di case della città

Il governo locale di Berlino, controllato da una coalizione di tre partiti di sinistra (i Socialdemocratici, i Verdi e La Sinistra), ha approvato martedì un piano che prevede il blocco dell’aumento degli affitti di 1,5 milioni di appartamenti in tutta la città per i prossimi cinque anni. La misura è stata decisa a causa del notevole aumento degli affitti registrato negli ultimi anni, e in particolare nel primo trimestre del 2019. Oggi a Berlino l’affitto medio di un appartamento arredato è di 1.100 euro, una cifra comunque inferiore a quella di altre città europee, tra cui Londra, Barcellona, Rotterdam e Milano, secondo i dati di housinganywhere.com.

Il piano approvato dal governo non è ancora definitivo, perché deve essere votato dal Parlamento locale. BBC ha scritto che la misura potrebbe diventare legge a gennaio del prossimo anno.

(AP Photo/Markus Schreiber)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.