• Mondo
  • giovedì 13 giugno 2019

C’è una tregua tra il governo siriano e i ribelli a Idlib, dove si combatte da sei settimane

Il governo siriano e le forze ribelli hanno accettato una tregua nella provincia di Idlib, l’unica ancora in mano ai ribelli e che il presidente siriano Bashar al Assad sta cercando di riconquistare con un’offensiva durata sei settimane, con l’aiuto della Russia. La notizia è stata data dall’esercito russo e ripresa dalle agenzie di stampa del Paese, che avrebbe fatto da mediatore all’accordo insieme alla Turchia, vicina ai ribelli. Il cessate il fuoco è entrato in vigore mercoledì a mezzanotte anche se Reuters ha riportato fonti civili per cui ci sarebbero stati bombardamenti a nord della città di Idlib, nell’area a sud della città e in quella a nord di Hama, a circa 100 chilometri a sud di Idlib. Lunedì i bombardamenti aerei avevano ucciso almeno 25 persone nella provincia da cui sono scappate migliaia di persone, molte dirette verso il confine con la Turchia.

Assad vuole riprendersi tutta la Siria

Bambini siriani giocano vicino ai resti di una scuola nella provincia di Idlib, in Siria, febbraio 2019 (Anas Alkharboutli/picture-alliance/dpa/AP Images)
TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.