• Mondo
  • giovedì 13 giugno 2019

Hong Kong ha rinviato a data da destinarsi la discussione dell’emendamento per cui si protesta da giorni

Giovedì un portavoce del Consiglio legislativo di Hong Kong – il Parlamento della città-isola autonoma cinese – ha annunciato che non è ancora stata fissata una data per la discussione del criticato emendamento sulla legge sull’estradizione, che consentirebbe di estradare nella Cina continentale le persone accusate di avere commesso alcuni crimini e che ha provocato negli scorsi giorni grandi proteste. La discussione era già stata rinviata, ieri, mercoledì, e oggi il governo ha di fatto confermato che lo è a data da destinarsi. Gli scontri tra polizia e manifestanti di ieri erano stati piuttosto violenti e almeno 72 persone erano state ferite, due gravemente. I giornali cinesi, che finora non avevano parlato delle proteste sull’emendamento, oggi hanno accusato i manifestanti di «atti violenti»; secondo l’ong Human Rights Watch la polizia avrebbe invece usato un «eccesso di forza».

Alcuni poliziotti in tenuta antisommossa e un gruppo di manifestanti contro l'emendamento sull'estradizione vicino alla sede del Consiglio legislativo di Hong Kong, il 13 giugno 2019 (AP Photo/Kin Cheung)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.