• Mondo
  • giovedì 13 giugno 2019

La polizia di Hong Kong ha arrestato 11 manifestanti per le proteste contro l’emendamento sull’estradizione

La polizia di Hong Kong ha arrestato 11 manifestanti per le proteste contro il criticatissimo emendamento sull’estradizione che Carrie Lam, governatrice della città cinese semi-autonoma, vorrebbe introdurre per consentire l’estradizione nella Cina continentale per alcuni reati. Le accuse nei confronti degli arrestati sono di essersi riuniti illegalmente, aver aggredito agenti di polizia e aver compiuto altri atti legati agli scontri con le forze dell’ordine. Negli scontri di ieri sono state ferite 81 persone, tra cui 22 poliziotti.

La discussione sull’emendament0 nel Consiglio legislativo di Hong Kong (più o meno il Parlamento della città) è stata rimandata di almeno due giorni per via delle proteste. Intanto Civil Human Rights Front, uno dei gruppi che hanno organizzato le proteste dei giorni scorsi, ha invitato i cittadini di Hong Kong a manifestare di nuovo domenica.

Hong Kong, 12 giugno 2019 (AP Photo/Kin Cheung)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.