Un seggio elettorale a Potenza. (ANSA/FRANCESCO LOSCALZO)
  • Italia
  • domenica 9 giugno 2019

Livorno e Prato al PD, Ferrara alla Lega

Il centrosinistra ha vinto anche a Rovigo, Cremona, Cesena e Reggio Emilia, mentre il centrodestra è avanti a Foggia, Vercelli e Potenza: i risultati dei ballottaggi

Un seggio elettorale a Potenza. (ANSA/FRANCESCO LOSCALZO)

Domenica in Italia si è votato per i ballottaggi nelle città in cui quindici giorni fa nessun candidato a sindaco aveva superato il 50 per cento più uno dei voti. I comuni in cui si è votato sono 136, con il coinvolgimento di oltre tre milioni di elettori. L’affluenza è diminuita, come accade quasi sempre: secondo i dati del ministero dell’Interno, infatti, ha votato il 52 per cento degli elettori, contro il 68 del primo turno.

Relativamente alle principali città in cui si è votato, il centrosinistra ha vinto a Livorno (dove negli ultimi cinque anni aveva governato il Movimento 5 Stelle), a Prato, a Rovigo e a Reggio Emilia, mentre il centrodestra ha vinto a Ferrara, dove dal dopoguerra a oggi aveva sempre governato il centrosinistra e invece ora ci sarà un sindaco della Lega. Il Movimento 5 Stelle ha vinto in un solo comune, a Campobasso.
Complessivamente il risultato nei capoluoghi di provincia è buono per il centrodestra, che ne guadagna 4 e ne perde 1; il centrosinistra ne perde 5 e ne guadagna 3 (confermandone altri 5) e conferma il contenuto recupero rispetto al crollo del 2018 alle politiche; il M5S ne perde 2 e ne guadagna 1. Ma ci sono poi molti altri comuni importanti non capoluogo da valutare: secondo i calcoli di YouTrend la situazione di partenza nei comuni con più di 15.000 abitanti era 149 per il centrosinistra e 39 per il centrodestra, mentre oggi è 100 per il centrosinistra e 83 per il centrodestra.

Questi sono i risultati nei 16 capoluoghi di provincia in cui si è votato:

Livorno
Il candidato del centrosinistra Luca Salvetti ha vinto con il 63,3 per cento dei voti sul candidato del centrodestra, Andrea Romiti.

Prato
Il sindaco uscente del centrosinistra, Matteo Biffoni, ha vinto con il 56,12% per cento dei voti sul candidato del centrodestra, Daniele Spada.

Ferrara
Il candidato del centrodestra, il leghista Alan Fabbri, ha vinto con il 56,7 per cento sul candidato del centrosinistra, Aldo Modonesi.

Avellino
Gianluca Festa, ex esponente del PD sostenuto da una serie di liste civiche di centrosinistra, ha vinto con il 51,2 per cento su Luca Cipriano, il candidato sostenuto dal PD. Il distacco è stato di meno di 700 voti.

Reggio Emilia
Luca Vecchi, candidato del centrosinistra, ha vinto con il 63,3 per cento. Al primo turno non aveva vinto per pochissimi voti.

Potenza
Mario Guarente, candidato della Lega sostenuto dal centrodestra, ha vinto con il 50,3 per cento su Valerio Tramutoli, sostenuto da due liste civiche.

Rovigo
Edoardo Gaffeo del centrosinistra ha vinto con il 50,9 per cento su Monica Gambardella del centrodestra, che era andata invece molto meglio al primo turno.

Campobasso
Il candidato del Movimento 5 Stelle, Roberto Gravina, ha vinto col 69 per cento dei voti.

Cremona
Il sindaco uscente di centrosinistra, Gianluca Galimberti, ha vinto con il 55,9 per cento.

Forlì
Il candidato del centrodestra, Gian Luca Zattini, ha vinto col 53 per cento.

Ascoli Piceno
Si sfidavano due candidati di centrodestra: ha vinto col 59 per cento Marco Fioravanti di Fratelli d’Italia, sostenuto dalla Lega, battendo Piero Celani, sostenuto da Forza Italia e varie liste civiche.

Biella
Altro ballottaggio interno al centrodestra: ha vinto con il 50,9 per cento Claudio Corradino, sostenuto dall’intera coalizione, sull’ex sindaco di Forza Italia Donato Gentile, sostenuto da liste civiche.

Vercelli
Ha vinto il candidato di centrodestra, Andrea Corsaro, con il 54,8 per cento.

Foggia
Ha vinto il candidato del centrodestra, Franco Landella, con il 53,2 per cento.

Cesena
Enzo Lattuca del centrosinistra ha vinto con il 55,7 per cento.

Verbania
Silvia Marchionini del centrosinistra ha vinto col 50,6 per cento su Giandomenico Albertella del centrodestra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.