Le Isole Marshall hanno un serio problema di rifiuti radioattivi

Una grande cupola di cemento costruita dagli Stati Uniti per contenere le scorie si sta crepando

La cupola di cemento di Runit, Isole Marshall (ABC News Australia)

A Runit, un isolotto che fa parte dell’atollo Enewetak delle Isole Marshall (oceano Pacifico centrale), c’è una grande cupola di cemento. Fu costruita dagli Stati Uniti nel 1980 per conservare al suo interno le scorie nucleari derivate dalle decine di test con bombe atomiche condotti nei decenni precedenti nella zona. A distanza di quasi 40 anni, quella cupola si sta crepando e viene raggiunta sempre più di frequente dalle acque oceaniche, a causa dell’innalzamento dei mari dovuto al riscaldamento globale.

In una recente visita in alcune isole del Pacifico, il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha detto di essersi confrontato con la presidente delle Isole Marshall, Hilda Heine, ricevendo notizie poco incoraggianti: lo stato insulare non ha le risorse per occuparsi del problema, con il rischio concreto di contaminazioni da materiale radioattivo nelle acque intorno all’atollo Enewetak.

Le Isole Marshall divennero famose nella seconda metà degli anni Quaranta del Novecento, quando gli Stati Uniti avviarono i loro test per sperimentare ordigni nucleari, sganciando bombe su alcuni degli atolli su cui avevano all’epoca il controllo (la nazione insulare divenne indipendente, o per meglio dire uno “stato libero associato degli Stati Uniti”, nel 1986).

Castle Bravo”, il test più famoso e con la bomba più potente, fu realizzato sull’atollo di Bikini il primo marzo del 1954 poco prima delle 7 del mattino. La reazione atomica causò la formazione di un grande bagliore rosso, seguito pochi istanti dopo da una nube a fungo che raggiunse i 7 chilometri di altezza. L’esplosione fu mille volte più potente di quella che aveva distrutto buona parte della città giapponese di Hiroshima, alla fine della Seconda guerra mondiale.

L’esperimento di Bikini sarebbe diventato famoso, e molto discusso, anche per alcuni gravi errori di valutazione da parte dell’esercito statunitense e dei suoi scienziati. L’esplosione interessò infatti un’area due volte e mezza più grande rispetto a quanto fosse stato calcolato: ceneri e polveri radioattive si dispersero in un’area di 18 chilometri quadrati, ricoprendo altre isole che non erano state evacuate e sulle quali vivevano centinaia di persone. Come avrebbero poi raccontato alcuni testimoni, sembrava quasi che si fosse messo a nevicare. Gli abitanti non sapevano che quegli strani fiocchi dal cielo fossero stati prodotti da un’esplosione atomica: c’era chi si mise a giocarci e chi li assaggiò, come si fa coi veri fiocchi di neve.

Tra il 1946 e il 1958 gli Stati Uniti effettuarono 67 test nucleari nel Pacifico, distruggendo isolotti e atolli per sperimentare la potenza e l’affidabilità delle loro bombe atomiche. I test erano funzionali anche nell’ottica della deterrenza dell’incipiente Guerra Fredda, per dimostrare all’Unione Sovietica di avere forze e risorse per contrastare eventuali attacchi. L’interruzione della sperimentazione avvenne tardivamente, dopo grandi danni ambientali causati nel Pacifico centrale, e solo grazie alla pressione della comunità internazionale.

Nella seconda metà degli anni Settanta gli Stati Uniti avviarono programmi di bonifica delle zone delle Isole Marshall che erano state sottoposte ai test atomici. Sull’atollo di Enewetak lavorarono circa 4mila membri dell’esercito per rimuovere oltre 73mila metri cubi di suolo contaminato dagli isolotti. Il materiale fu poi trasportato a Runit e depositato in un cratere largo un centinaio di metri, che si era formato in seguito a un test atomico nel 1958. L’operazione di bonifica richiese tre anni di lavoro intorno a quella che fu definita dagli abitanti locali “la tomba”.

Nel 1980 si decise di coprire il cratere con una grande cupola di cemento spessa poco meno di mezzo metro. Era una soluzione temporanea in attesa di trovare un luogo più adeguato, ma non furono mai organizzati piani successivi. Pochi anni dopo gli Stati Uniti autorizzarono le Isole Marshall a governarsi da sole, a patto che venisse concordata la cessazione di qualsiasi richiesta “passata, presente e futura” legata ai test nucleari statunitensi, e agli effetti che avevano causato. La gestione stessa della cupola di cemento fu passata alla nazione insulare.

Le ispezioni condotte negli ultimi anni hanno evidenziato la formazione di crepe nella struttura di cemento, con il rischio che il materiale radioattivo contenuto al suo interno possa disperdersi, causando nuovi danni ambientali. Tra gli isotopi presenti sotto la cupola c’è il plutonio-239, che ha lunghissimi tempi di decadimento ed è ancora radioattivo.

Un’ulteriore complicazione è dovuta al fatto che il cratere non fu mai adeguatamente rivestito e isolato, prima di depositarvi il materiale radioattivo. Il fondo per esempio è permeabile e quindi viene probabilmente già raggiunto dall’acqua, durante i picchi di marea. È probabile che le acque intorno all’isolotto siano già contaminate, anche se si ritiene che attualmente i livelli di radiazioni continuino a essere bassi ed entro i limiti di sicurezza.

Il governo delle Isole Marshall dice di non avere le risorse per isolare meglio la cupola. Le preoccupazioni sono legate soprattutto al progressivo aumento del livello dei mari – già tangibile in molti stati insulari, dovuto al riscaldamento globale – e agli effetti degli eventi climatici sempre più intensi, a cominciare dai tifoni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.