• Mondo
  • giovedì 30 Maggio 2019

Il CEO di Disney ha detto che «sarà difficile» girare in Georgia se entrerà in vigore la nuova legge contro l’aborto

L’amministratore delegato di Disney Bob Iger ha detto che «sarà molto difficile» girare film e lavorare in Georgia se il primo gennaio entrerà in vigore la nuova legge approvata dallo Stato contro l’aborto: è tra le più restrittive degli Stati Uniti e lo vieterà da quando sarà possibile rilevare il “battito cardiaco” del feto, cosa che accade di solito entro le sei settimane di gravidanza, quando molte donne non sono spesso consapevoli di essere incinte. Iger ha spiegato che molti dipendenti di Disney hanno detto che si rifiuteranno di lavorare nello Stato, dove nel 2018 l’azienda ha girato 455 prodotti, tra cui Black Panther e Avengers: Endgame; in Georgia Disney ha 92 mila dipendenti.

Bob Iger (Drew Angerer/Getty Images)