• Sport
  • mercoledì 29 maggio 2019

Caster Semenya ha fatto ricorso contro la sentenza del TAS che le imponeva di diminuire i livelli di ormoni androgeni per continuare a gareggiare

L’atleta sudafricana Caster Semenya ha fatto ricorso contro la sentenza del Tribunale arbitrale internazionale dello sport (TAS) di Losanna che le imponeva di sottoporsi a cure per diminuire i livelli di ormoni androgeni per continuare a gareggiare tra le professioniste nelle discipline di atletica leggera. Il ricorso di Semenya è stato presentato presso il Tribunale federale, la più alta corte della Svizzera, il paese in cui ha sede il TAS, la più alta corte sportiva. I suoi avvocati hanno detto che il ricorso ha a che fare con «diritti umani fondamentali» e Associated Press scrive che Semenya ha detto: «Sono una donna e sono un’atleta di livello mondiale, la IAAF [l’Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera] non può drogarmi o farmi smettere di essere quella che sono».

La sentenza del TAS su Caster Semenya

Caster Semenya (Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.