I vincitori del festival di Cannes

“Gisaengchung” del sudcoreano Bong Joon-Ho ha vinto la Palma d'Oro, Antonio Banderas ha vinto come miglior attore

Bong Joon-Ho, vincitore della Palma d'Oro. (Pascal Le Segretain/Getty Images)

Gisaengchung, il film del regista sudcoreano Bong Joon-Ho, ha vinto la Palma d’Oro al festival di Cannes, uno dei più importanti concorsi del cinema mondiale. È una commedia sulle storie intrecciate di due famiglie, una squattrinata e una molto ricca, dello stesso regista di OkjaSnowpiercer. Il Grand Prix, considerato una specie di secondo posto, è invece andato ad Atlantique della regista francese Mati Diop, un film sulla storia di un gruppo di operai della periferia di Dakar, in Senegal.

Il premio della giuria lo hanno vinto due film: Les Misérables del regista maliano Ladj Ly e Bacurau dei brasiliani Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles. Il primo è un film poliziesco che racconta le tensioni etniche e sociali della periferia parigina, mentre il secondo racconta una storia fantastica ambientata in un piccolo e misterioso villaggio brasiliano.

Emily Beecham, attrice inglese che finora non aveva avuto molti ruoli importanti, ha vinto il premio come migliore attrice per Little Joe, thriller in cui interpreta una scienziata che modifica geneticamente una pianta in modo che renda felici le persone. Antonio Banderas ha invece vinto come miglior attore per Dolor Y Gloria di Pedro Almodovar, in cui interpreta un regista di successo in declino fisico e creativo.

Il premio per la miglior regia è andato ai fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne per Le Jeune Ahmed, che racconta di un giovane studente musulmano che si radicalizza e progetta l’omicidio della sua insegnante. La Camera d’oro, il premio per la migliore opera di un esordiente, è andato a Nuestras Madres del regista guatemalteco César Díaz.

Palma d’Oro: Gisaengchung di Bong Joon-Ho
Grand Prix: Atlantique di Mati Diop
Premio della giuria (ex-aequo): Les Misérables di Ladj Ly e Bacurau di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles
Miglior regia: Jean-Pierre e Luc Dardenne per Le Jeune Ahmed
Miglior attore: Antonio Banderas in Dolor Y Gloria
Miglior attrice: Emily Beecham in Little Joe
Miglior sceneggiatura: Portrait de la jeune fille en feu di Céline Sciamma
Menzione speciale: It Must Be Heaven di Elia Suleiman
Camera d’oro: Nuestras Madres di César Díaz
Palma d’oro per un cortometraggio: The Distance Between Us and the Sky di Vasilis Kekatos
Menzione speciale della giuria per un cortometraggio: Monstruo Dios di Augustina San Martín

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.