• Mondo
  • venerdì 24 maggio 2019

Gira un video modificato per far sembrare ubriaca Nancy Pelosi

Non è l'unico, ma è stato condiviso molto più di altri: tra gli altri anche da Rudolph Giuliani, avvocato di Trump

Win McNamee/Getty Images

Da un paio di giorni sta girando sui principali social network un video in cui sembra che Nancy Pelosi, speaker della Camera statunitense e importante dirigente del Partito Democratico, sia poco lucida o addirittura ubriaca mentre parla a un incontro pubblico. In realtà Pelosi non ha niente che non vada: l’effetto è semplicemente dovuto al fatto che quei video siano stati montati, modificati e rallentati allo scopo di farla sembrare ubriaca.

Il video mostra Pelosi mentre mercoledì parlava a Washington a un evento del Center for American Progress, e criticava il presidente statunitense Donald Trump per aver cercato di ostacolare le indagini che hanno riguardato lui e molti suoi collaboratori. Il Washington Post scrive che una versione del video, condivisa dalla pagina Facebook conservatrice Politics WatchDog, è stata visto più di due milioni di volte e condivisa più di 45mila volte. Alcune analisi del video hanno dimostrato che è stato rallentato a circa il 75 per cento della sua normale e originale velocità e che sono anche state prese alcune misure per alterare la voce di Pelosi, per rendere meno chiaro che fosse stata rallentata in post-produzione. Sempre il Washington Post scrive però che non è chiaro chi abbia creato il video.

House Speaker Nancy Pelosi on President Trump walking out infrastructure meeting: "It was very, very, very strange."

House Speaker Nancy Pelosi on President Trump walking out infrastructure meeting: "It was very, very, very strange."

Gepostet von Politics WatchDog am Mittwoch, 22. Mai 2019

Tra i tanti che hanno condiviso il video, alludendo al fatto che Pelosi non fosse lucida, c’è anche Rudolph W. Giuliani, avvocato di Trump. Giuliani aveva scritto, in un tweet poi rimosso: «Cosa c’è che non va in Nancy Pelosi?».

Trump ha invece condiviso un altro video, sempre di Pelosi, che arriva da Fox News, il canale televisivo preferito di Trump, ed è stato semplicemente fatto montando diversi momenti in cui, per pochi istanti, Pelosi faceva delle pause o tentennava su quel che stava per dire.

Facebook ha fatto sapere di aver preso in analisi il video e di aver deciso di non rimuoverlo, perché non va contro le sue regole. Ha fatto sapere però che lo renderà meno visibile nelle bacheche dei suoi utenti. YouTube ha invece detto di aver rimosso il video. I casi di video distorti o modificati al fine di screditare qualcuno non sono nuovi, e già era successo a inizio maggio con un altro video di Pelosi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.