• Mondo
  • giovedì 23 maggio 2019

Gli Stati Uniti hanno aggiunto 17 capi d’accusa all’incriminazione contro Julian Assange

Gli Stati Uniti hanno aggiunto 17 capi d’accusa all’incriminazione contro Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks arrestato un mese fa a Londra. Ad Assange viene contestata la diffusione di documenti statunitensi coperti da segreto tramite WikiLeaks e la ripetuta violazione dello Espionage Act, la più importante legge americana contro gli atti di spionaggio: se condannato, Assange – che al momento si trova ancora agli arresti in Regno Unito – rischia di rimanere in prigione per decine di anni. In precedenza il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti aveva rivolto una sola accusa ad Assange, cioè di aver violato la Computer Fraud and Abuse Act (CFAA), la prima legge contro gli hacker e le violazioni informatiche approvata dal Congresso degli Stati Uniti nel 1986.

(Jack Taylor/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.