• Sport
  • giovedì 23 maggio 2019

La FIFA ha rinunciato a organizzare i Mondiali del 2022 con 48 squadre

La FIFA ha comunicato di aver rinunciato al piano di organizzare i Mondiali del 2022 in Qatar invitando 48 squadre al posto delle solite 32. Quello dell’allargamento dei Mondiali era un progetto sostenuto convintamente dal presidente della FIFA Gianni Infantino e molto popolare anche tra i paesi membri della FIFA, l’organizzazione che governa il calcio a livello mondiale. La proposta di aumentare il numero di squadre già a partire dai Mondiali del 2022 aveva portato a uno studio di fattibilità, che ha tenuto conto anche della possibilità di coinvolgere nell’organizzazione delle partite in più anche un altro paese confinante con il Qatar. Anche a causa della complicata situazione di isolamento del Qatar, che al momento è sotto embargo da parte dei principali paesi arabi della regione (Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Bahrein), la possibilità è stata giudicata irrealizzabile e il progetto dell’allargamento dei Mondiali è stato rimandato. Il primo Mondiale a 48 squadre sarà quindi quello del 2026 organizzato da Stati Uniti, Canada e Messico.

Valeriano Di Domenico/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.