• Mondo
  • martedì 21 maggio 2019

Un gruppo armato ha tagliato le forniture d’acqua a Tripoli, in Libia

Milioni di abitanti di Tripoli, capitale della Libia, e delle città vicine sono rimasti senza fornitura d’acqua dopo che domenica un gruppo armato aveva preso d’assalto, nel distretto di Gefara, una sede del “Grande fiume artificiale”, un acquedotto che preleva l’acqua dal Sahara e la trasporta verso Tripoli e dintorni attraverso un ramificato sistema di tubature. Il gruppo aveva ordinato agli impiegati di chiudere i tubi dell’acqua collegati ai pozzi sotterranei; l’agenzia che amministra l’acquedotto ha detto che verranno riaperti quando saranno soddisfatte le richieste degli assalitori, che al momento non sono però note. Nel frattempo gli abitanti delle città dovranno affidarsi alle riserve e a fornitori privati.

Il governo di Tripoli ha accusato il gruppo di sostenere il maresciallo Khalifa Haftar, il leader dell’esercito nazionale libico che controlla quasi tutta la Libia orientale e meridionale. Altri sostengono che sia indipendente e che il governo di Tripoli lo stia collegando a Haftar per cercare di screditarlo. Il 4 aprile Haftar aveva lanciato un attacco per conquistare Tripoli, dove si trova la sede del governo di Fayez al Serraj, il primo ministro riconosciuto dall’ONU come l’unico legittimo del paese. Da allora sono morte negli scontri almeno 510 persone, 2.500 sono state ferite e 75 mila hanno dovuto lasciare le loro case.

(Stringer/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.