• Mondo
  • sabato 18 maggio 2019

Il governo austriaco è in bilico per un video

Il vicecancelliere dell'estrema destra si è dimesso dopo la pubblicazione di una conversazione imbarazzante su appalti e altri favori da fare alla Russia

Un fermo immagine del video girato di nascosto nel 2017 con Johannes Gudenus e Heinz-Christian Strache (Spiegel/Süddeutsche Zeitung)

Un video girato di nascosto nel 2017 – ottenuto e pubblicato venerdì dai giornali tedeschi Der SpiegelSüddeutsche Zeitung – sta mettendo in crisi la coalizione di destra che governa l’Austria e ha già provocato le dimissioni di Heinz-Christian Strache, vicecancelliere e capo del Partito della Libertà. Nel video online da venerdì si vede Strache discutere in un appartamento di Ibiza con la nipote di un oligarca russo ritenuto vicino al presidente Vladimir Putin.

Insieme al capogruppo parlamentare del Partito della Libertà, Johannes Gudenus, presente anche lui nell’appartamento di Ibiza, i presenti discutono di finanziamenti milionari alla campagna elettorale allora in corso – quella che poi ha visto la vittoria della destra e la nomina di Strache a vicecancelliere – in cambio di favori ad aziende russe nell’assegnazione di appalti, ma non solo. Parlano anche di come aggirare la legge sul finanziamento ai partiti e di come arrivare all’acquisto delle quote del principale tabloid austriaco, la Kronenzeitung.

Il video ha generato molta indignazione nell’opposizione, che aveva chiesto immediatamente le dimissioni di Strache, ma anche malumori tra la coalizione di governo. Al termine di un incontro tenuto sabato mattina con il cancelliere e alleato Sebastian Kurz, Strache si è infatti dimesso, come previsto nelle ore precedenti dai giornali austriaci. Secondo altre indiscrezioni il Partito della Libertà sarebbe intenzionato a rimanere nella coalizione e a sostituire Strache con l’attuale ministro dell’Interno Herbert Kickl.

Fino a pochi giorni fa, dopo circa un anno e mezzo di governo, la relazione tra i due partiti sembrava funzionare bene. Negli ultimi mesi Kurz ha spostato a destra la linea del suo partito, dicendo e facendo molte cose simili a quelle di Strache, ma in un modo considerato socialmente più accettabile, e riuscendo a normalizzare l’estrema destra. La sinergia della coalizione sembrava di gradimento agli elettori, che stando agli ultimi sondaggi continuano ad avere una buona opinione del governo in carica.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.