• Mondo
  • venerdì 17 maggio 2019

Il Regno Unito ha consigliato ai cittadini con doppia cittadinanza iraniana e britannica di non andare in Iran

Il ministero degli Esteri britannico ha consigliato ai cittadini con doppia cittadinanza iraniana e britannica di non andare in Iran per il rischio di essere trattenuti dalle forze di sicurezza iraniane, e ha parlato delle «continue arbitrarie detenzioni» e del «maltrattamento delle persone con doppia cittadinanza». L’avviso, in particolare, è rivolto alle persone che lavorano nelle istituzioni britanniche.

Il segretario degli Esteri britannico, Jeremy Hunt, ha detto che «il Regno Unito ha ripetutamente chiesto all’Iran di risolvere questo problema, ma la condotta del regime iraniano è peggiorato. Avendo esaurito tutte le altre opzioni, devo ora consigliare a tutti i cittadini britannici-iraniani di non andare in Iran: i pericoli che affrontano includono la detenzione arbitraria e la mancanza di accesso ai diritti legali di base, come abbiamo visto nel caso di Nazanin Zaghari-Ratcliffe», una donna con doppia cittadinanza iraniana e britannica che nel 2016 fu arrestata per aver «cospirato contro il governo iraniano» e che non è ancora rilasciata. Zaghari-Ratcliffe lavorava per una ong legata a BBC che si occupa di formare i giornalisti e i blogger in Iran.

Richard Ratcliffe, marito di Nazanin Zaghari-Ratcliffe, la donna con doppia cittadinanza iraniana e britannica detenuta in Iran dal 2016 con l'accusa di cospirazione. (Dominic Lipinski/PA Wire)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.