Il comune di San Francisco ha vietato l’uso di tecnologie per il riconoscimento facciale da parte delle autorità cittadine

Il Board of Supervisors di San Francisco, l’organo legislativo della città californiana, ha vietato l’uso di tecnologie per il riconoscimento facciale da parte delle autorità cittadine, come la polizia e i gestori del trasporto pubblico. È la prima città degli Stati Uniti a farlo. Secondo i sostenitori della legge, le odierne tecnologie di riconoscimento facciale non sono affidabili, in particolare nell’identificazione di donne o persone con la pelle scura, e rappresentano un’invadenza eccessiva e non necessaria della privacy delle persone. Attualmente la polizia di San Francisco non usa questo tipo di tecnologia, ma l’aveva testata tra il 2013 e il 2017. Gli unici due contesti in cui si potrà usare con la nuova legge (che entrerà in vigore tra un mese) sono le strutture gestite dalle autorità federali all’aeroporto internazionale della città e al porto.

Una telecamera di videosorveglianza a San Francisco, il 7 maggio 2019 (AP Photo/Eric Risberg)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.