C’è una nuova falla di sicurezza che interessa i processori Intel prodotti dal 2011

Una nuova falla di sicurezza è stata scoperta in buona parte dei microprocessori Intel prodotti a cominciare dal 2011. Sfruttandola, utenti malintenzionati potrebbero effettuare un attacco (“ZombieLoad”) per sottrarre gli ultimi dati a cui ha avuto accesso il processore. Il problema è stato scoperto da alcuni esperti di sicurezza informatica dell’Università Tecnica di Graz (Austria) ed è stato comunicato a Intel, che a sua volta ha diffuso ai produttori una soluzione al problema. Il problema riguarda l’hardware, cioè il modo in cui sono fisicamente fatti i processori, ma può essere aggirato attraverso il software, anche se questo potrebbe comportare in alcuni casi un lieve rallentamento dei processori. Apple, Microsoft e Google stanno diffondendo aggiornamenti per risolvere la falla di sicurezza nei loro sistemi operativi. La vicenda ricorda quella più grave di Spectre e Meltdown, due falle di sicurezza scoperte lo scorso anno e che interessavano sempre i processori Intel prodotti negli ultimi 20 anni.

(Imaginechina via AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.