• Mondo
  • martedì 14 maggio 2019

Secondo i dati parziali, i partiti vicini al presidente Rodrigo Duterte hanno vinto le elezioni di metà mandato nelle Filippine

Come previsto, i partiti vicini al presidente Rodrigo Duterte hanno vinto le elezioni di metà mandato nelle Filippine, che si sono tenute lunedì per rinnovare metà del Senato, la Camera bassa e diverse amministrazioni locali. Per Duterte, che è presidente dal 2016, queste elezioni sono state una sorta di referendum sul suo governo e sulle politiche autoritarie adottate in questi anni, in particolare quelle per combattere la diffusione della droga nel paese. Al momento, con il 94 per cento delle schede scrutinate, i partiti vicini a Duterte dovrebbero riuscire a ottenere 10 dei 12 seggi vacanti in Senato. Finora il Senato è stato il principale argine ad alcune delle proposte più controverse di Duterte, tra cui la reintroduzione della pena di morte e la modifica della Costituzione ma, in seguito al risultato di oggi, avrà in tutto dalla sua parte 13 senatori su 24.

Rodrigo Duterte (EPA/CERILO EBRANO/ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.