• Mondo
  • lunedì 13 maggio 2019

L’ex presidente sudanese Omar al Bashir è stato incriminato per l’uccisione di manifestanti durante le ultime proteste antigovernative

Il procuratore generale del Sudan ha incriminato l’ex presidente sudanese Omar al Bashir per l’uccisione di diversi manifestanti durante le proteste che hanno portato alla fine del suo regime, l’11 aprile scorso. Bashir era al potere dal 1989. Dopo la sua deposizione, guidata dall’esercito, Bashir era stato portato nel carcere di massima sicurezza di Kobar, nella capitale Khartoum.

Dopo il colpo di stato, in Sudan il potere era passato al Consiglio militare di transizione, organo composto da militari che però aveva promesso di lasciare spazio ai civili entro un limitato periodo di tempo. Oggi sono ripresi i negoziati tra i militari e i manifestanti per il passaggio del potere, dopo un periodo di stallo.

Omar al Bashir (AP Photo/Mohamed Abuamrain)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.