• Mondo
  • venerdì 10 maggio 2019

Sono scattati i nuovi dazi sui prodotti cinesi imposti dagli Stati Uniti

Quando negli Stati Uniti era mezzanotte e un minuto sono scattati i nuovi dazi imposti dal presidente statunitense Donald Trump su 200 miliardi di dollari di beni cinesi, che sono passati dal 10 al 25 per cento. L’aumento è arrivato dopo che negli ultimi giorni erano stati fatti diversi tentativi di dialogo tra Stati Uniti e Cina per cercare di trovare una soluzione che evitasse nuovi dazi. Il ministero del Commercio cinese ha fatto sapere di essere “profondamente dispiaciuto” per il fallimento delle trattative e che la Cina adotterà le contromisure necessarie.

I nuovi dazi riguarderanno circa 5.700 categorie di prodotti che prima erano tassati al 10 per cento, tra cui prodotti alimentari, risorse naturali, prodotti chimici e industriali e beni di consumo, mentre in precedenza i dazi al 25 per cento avevano riguardato prevalentemente l’alta tecnologia. Donald Trump ha detto che in futuro nuovi dazi al 25 per cento potrebbero essere imposti su altri prodotti cinesi per un valore totale di 325 miliardi di dollari all’anno.

(Thomas Peter-Pool/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.