Il collettivo Wu Ming, lo storico Carlo Ginzburg e la giornalista Francesca Mannocchi hanno annullato la partecipazione al Salone del Libro di Torino

Il collettivo culturale di ispirazione marxista Wu Ming, lo storico Carlo Ginzburg e la giornalista Francesca Mannocchi hanno annullato la loro partecipazione al Salone del libro di Torino, criticando la decisione degli organizzatori di ospitare l’editore Altaforte, considerato legato al partito neofascista di Casapound. La polemica era iniziata alcuni giorni fa, quando lo scrittore e giornalista Christian Raimo – collaboratore del direttore del festival Nicola Lagioia – aveva pubblicato un lungo post per criticare la decisione di ospitare Altaforte. Raimo aveva poi cancellato il post e annunciato le sue dimissioni. 

In un post pubblicato sul loro blog, i Wu Ming hanno dato la loro solidarietà a Raimo e scritto che «a Torino si è compiuto un passo ulteriore nell’accettazione delle nuove camicie nere sulla scena politico-culturale italiana». Ginzburg invece ha detto di avere annullato la sua partecipazione «per una scelta politica». In un lungo post su Facebook, Mannocchi ha spiegato la sua decisione parlando esplicitamente della presenza di Altaforte al Salone.

Ho osservato tutto da qui, dalla Libia. Ho letto comunicati ufficiali, dimissioni. Prese di distanza.E' il mio…

Gepostet von Francesca Mannocchi am Sonntag, 5. Mai 2019

(ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.