• Mondo
  • domenica 5 maggio 2019

Donald Trump ha criticato Facebook per aver rimosso i profili di alcuni leader accusati di incitamento all’odio

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha criticato Facebook per aver rimosso gli account di Alex Jones, Milo Yiannopoulos e altri leader accusati di incitare all’odio e alla violenza. Il 2 maggio Facebook aveva infatti deciso di rimuovere gli account (sia di Facebook che di Instagram) di alcuni noti esponenti di estrema destra e leader di movimenti considerati violenti, razzisti e misogini, accusandoli di violare le regole dell’azienda istigando all’odio e alla violenza. Trump ha scritto un tweet in cui si è lamentato della cosa, ma ha anche condiviso alcuni tweet in cui altri utenti si lamentavano. Nel suo tweet Trump ha scritto: «Continuo a monitorare la censura di cittadini statunitensi sui social media. Questi sono gli Stati Uniti e abbiamo la libertà di parola».

Donald Trump (Joe Raedle/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.