È morto Peter Mayhew, che era stato Chewbecca nei film di “Star Wars”

Aveva 74 anni e aveva interpretato Chewbecca per la prima volta nel 1977

È morto a 74 anni Peter Mayhew, l’attore che aveva interpretato Chewbecca nei film di Star Wars. Chewbecca (Chewbacca nella versione originale) è uno Wookie, un alieno molto peloso e molto intelligente che fa da copilota ad Han Solo. Mayhew è morto il 30 aprile nella sua casa in Texas, ha detto la sua famiglia.

Harrison Ford (Han Solo), Anthony Daniels (C-3PO), Carrie Fisher (principessa Leia) e Peter Mayhew in una foto del 1978. (AP Photo/George Brich)

Mayhew, nato nel Regno Unito ma con cittadinanza statunitense, interpretò Chewbecca per la prima volta nel 1977 e per l’ultima nel 2015. Fu scelto, tra le altre cose, perché era alto 2 metri e 18 centimetri. Prima di lui, il regista del film pensò di far interpretare Chewbecca all’attore David Prowse, che era alto poco meno di due metri e che però disse che preferiva interpretare Darth Vader, il cattivo. La famiglia di Mayhew ha scritto che prima del 2015, quando uscì Star Wars: Il risveglio della Forza (il primo tra i nuovi film della saga), Mayhew si spostava quasi solo su una sedia a rotelle, ma che riuscì comunque a stare in piedi, camminare e “diventare Chewbecca” per girare il film. Mayhew aveva anche fatto da consulente a Joonas Suotamo, l’attore finlandese – ex giocatore di basket, alto 2 metri e 11 centimetri – che lo aveva affiancato sul set del Risveglio della Forza e che è stato Chewbecca dopo di lui, per esempio nel film Solo: A Star Wars Story. Il viso di Mayhew non è mai stato mostrato nei film della saga.

Tra i tanti che hanno voluto ricordare Mayhew c’è anche Mark Hamill, cioé Luke Skywalker.

Jordan Strauss/Invision/AP, File

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.