• Italia
  • venerdì 3 maggio 2019

La Procura di Avellino ha chiuso l’indagine bis iniziata dopo che nel 2013 quaranta persone morirono perché un pullman uscì di strada su un viadotto in Irpinia

La Procura di Avellino ha chiuso l’indagine bis iniziata dopo che nel 2013 quaranta persone morirono perché un pullman uscì di strada sul viadotto Acqualonga, in Irpinia. La procura ha deciso, scrive Irpinia News, «il sequestro preventivo delle barriere bordo-ponte installate su 12 viadotti autostradali» della A16, che collega Napoli e Canosa. I viadotti, che al momento continuano a essere aperti al traffico, si trovano tra le uscite di Baiano e Benevento. L’inchiesta bis riguarda la manutenzione del tratto autostradale e, in particolare, delle barriere laterali alla strada. Nel 2013 il pullman precipitò infatti dopo aver sfondato proprio una di quelle barriere.

Oltre a quello di Acqualonga, i ponti alle cui barriere sono stati posti i sigilli sono quelli di Pietra Gemma, Carafone, Vallonato I e II, F.Lenza Pezze, Scofeta Vergine, Sabato, Boscogrande, Francia, Vallone del Duca e Del Varco. Tre dirigenti di Autostrade per l’Italia sono stati iscritti nel registro degli indagati.

ANSA/PATRIZIA SESSA

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.