Il regista statunitense John Singleton, che era tenuto in vita artificialmente da due settimane dopo un infarto, sarà lasciato morire

Aggiornamento delle 23.00: John Singleton è morto dopo lo spegnimento dei sistemi che lo tenevano in vita. La notizia è stata confermata dalla sua famiglia.

***

Il regista statunitense John Singleton, che era tenuto in vita artificialmente da due settimane dopo aver avuto un infarto, sarà lasciato morire lunedì, ha fatto sapere la sua famiglia. Singleton, che ha 51 anni, era diventato molto famoso nel 1991 con il suo film di debutto Boyz n the Hood – Strade violente, che aveva ricevuto una nomination per l’Oscar al Miglior film. Singleton aveva poi diretto diversi film, tra cui il sequel di Fast and Furious, 2 Fast 2 Furious, e recentemente aveva prodotto e diretto la serie tv Snowfall per il canale statunitense FXDa quasi due settimane, dopo un grave infarto, Singleton era tenuto in vita artificialmente in un ospedale di Los Angeles, dove viveva.

John Singleton (Tommaso Boddi/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.