• Mondo
  • martedì 23 aprile 2019

Un esponente del Partito delle Libertà austriaco ha scritto una poesia in cui paragona i migranti ai ratti

Un esponente del Partito delle Libertà austriaco (FPÖ), che fa parte della coalizione di governo in Austria, ha scritto una poesia sui migranti intitolata Il ratto di città, in cui paragona gli immigrati che vivono in Austria ai roditori e intima loro di integrarsi o andarsene. La poesia, scritta da Christian Schilcher, vice sindaco di Braunau sull’Inn, luogo di nascita di Adolf Hitler, è stata molto criticata: tra le altre cose il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha chiesto al FPÖ di prenderne le distanze, definendola «disgustosa, inumana e profondamente razzista». Pamela Rendi-Wagner, capo del Partito socialdemocratico di centrosinistra (SPÖ), ha detto che tali paragoni ricordano «la propaganda nazista».

In un primo momento Schilcher, che aveva pubblicato la poesia sull’edizione pasquale di un giornale affiliato al FPÖ, aveva cercato di giustificarsi dicendo che la sua poesia non intendeva «insultare o ferire nessuno» e si era scusato per il paragone marcato tra ratti e umani. In seguito alle critiche, martedì, Schilcher si è dimesso dal suo incarico di vice sindaco.

(via Twitter)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.