• Mondo
  • giovedì 18 aprile 2019

Oggi sarà pubblicato il “rapporto Mueller”

Il dipartimento della Giustizia statunitense ha fatto sapere che quando in Italia sarà il tardo pomeriggio di oggi sarà reso pubblico il “rapporto Mueller”, cioè il documento conclusivo dell’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto caso Russia. Il procuratore generale William Barr e il viceprocuratore Rod J. Rosenstein parleranno del rapporto in una conferenza stampa il cui inizio è annunciato per le 15.30 (ora italiana) e in seguito – tra le 17 e le 18 – faranno avere il rapporto al Congresso. A quel punto il rapporto, lungo circa 400 pagine, sarà reso pubblico. Ci sono state delle polemiche per la scelta di organizzare la conferenza stampa prima della diffusione del rapporto, per l’evidente tentativo di orientare la copertura da parte dei media.

Il documento non sarà diffuso in forma integrale: ci saranno parti nascoste con delle pecette perché la loro pubblicazione violerebbe la privacy di qualcuno o svelerebbe come funzionano certe attività di intelligence. Le parti censurate saranno coperte con diversi colori in base al motivo per cui sono state censurate. Il rapporto sarà fatto avere al Congresso all’interno di CD-ROM e in seguito sarà messo online su questa pagina. Nel frattempo, come spiegato ieri dal New York Times, ci sono state numerose conversazioni sul rapporto Mueller tra il dipartimento della Giustizia e gli avvocati della Casa Bianca.

Drew Angerer/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.