Toninelli dice che Salvini «non avrebbe potuto fare niente», senza di lui

«Ma io non vado in giro a dirlo, non mi importa nulla»

Danilo Toninelli (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Durante un’intervista televisiva del programma Accordi&Disaccordi trasmessa dal canale Nove, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha commentato il calo dei consensi del Movimento 5 Stelle a vantaggio della Lega dicendo che le misure del suo partito avranno effetto tra un po’ di tempo, mentre la Lega ha potuto mettere il suo «bollino» su cose dall’effetto mediatico più immediato come l’immigrazione. Anche se il merito, pure su quello, non è tutto della Lega.

«Salvini senza il sottoscritto non avrebbe potuto fare niente, ma io non vado in giro a dirlo, non mi importa nulla. Mi importa che ci sono meno morti, meno barconi che partono dalle coste della Libia»

Toninelli fa riferimento alla decisione di chiudere i porti alle navi delle ong che salvavano i migranti nel Mediterraneo, sulla quale però non c’è mai stata grande chiarezza: a luglio per esempio Toninelli aveva annunciato di avere disposto «il divieto di attracco nei porti italiani» per la nave di una ong, ma poi l’Espresso aveva scoperto che il divieto era stato annunciato pubblicamente ma mai deciso e approvato con un documento ufficiale. Un mese prima il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, aveva lanciato il famoso slogan “Chiudiamo i porti” ma Toninelli aveva detto che «non è mai stata all’ordine del giorno la chiusura dei porti italiani». Di fatto da molti mesi l’Italia rifiuta alle navi delle ong la possibilità di attraccare in Italia – tanto da aver ostacolato persino le imbarcazioni della Guardia costiera, come la nave Diciotti – citando ragioni di ordine pubblico, ma dato che i porti sono aperti di tanto in tanto deve decidere diversamente: è successo poche settimane fa con la nave Mediterranea, per esempio.