Il lander israeliano Beresheet si è schiantato sulla superficie lunare

Il lander israeliano Beresheet, lanciato il 22 febbraio da Cape Canaveral, ha fallito il tentativo di allunaggio: è precipitato sulla Luna in modo incontrollato e non sta più inviando segnali alla Terra. Quella da poco fallita era la prima missione di Israele verso la Luna ed era stata organizzata da aziende spaziali controllate dal governo israeliano. Se l’allunaggio fosse riuscito, Israele sarebbe diventato il quarto paese a raggiungere la Luna, dopo l’Unione Sovietica, gli Stati Uniti e la Cina. Lo scopo della missione era compiere alcune rilevazioni sulla Luna, a cominciare dalla raccolta di dati sul suo campo magnetico, che avrebbero potuto fornire nuove informazioni per comprendere come si formò il nostro unico satellite naturale. La missione è costata circa 100 milioni di dollari. “Beresheet” è il nome ebraico del libro biblico della Genesi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.