Da lunedì 8 aprile si potranno chiedere gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche e ibride

Da lunedì 8 aprile i concessionari di automobili potranno richiedere gli incentivi per l’acquisto, anche in leasing, di auto elettriche e ibride (i cosiddetti “ecobonus”) su un sito dedicato, già online. Il decreto del ministero dello Sviluppo Economico con cui sono stati decisi gli incentivi infatti è stato registrato alla Corte dei Conti. Gli incentivi valgono anche per alcuni modelli di ciclomotori e motocicli a due ruote.

Il decreto non contiene una lista precisa di modelli di automobili per cui si possono chiedere le agevolazioni, ma stabilisce una serie di requisiti. Nei fatti i modelli per cui si potranno chiedere gli incentivi si dividono in due categorie: le auto elettriche con valori di emissioni di anidride carbonica (CO2) da 0 fino a 20 g/km con un prezzo di listino massimo di 61mila euro IVA compresa; e le auto ibride con emissioni di CO2 comprese tra 21 e 70 g/km. Per la prima categoria la riduzione del prezzo è di 6mila euro se si rottama un’auto Euro 1, 2, 3 o 4, di 4mila senza rottamazione. Per la seconda categoria, si ottengono 2.500 euro con rottamazione e 1.500 senza. Tra gli esperti del settore gli ecobonus sono stati criticati perché non sarebbero abbastanza convenienti da incentivare l’acquisto di nuove automobili.

Di fatto i modelli per cui si possono chiedere gli incentivi sono, tra le auto elettriche:

  • la BMW I3;
  • la Citroen C-Zero;
  • la Hyundai Kona EV;
  • la Kia Soul Eco Electric;
  • la Nissan Leaf;
  • la Smart Fortwo EQ;
  • la Volkswagen e-Up!;
  • la Volkswagen e-Golf e
  • la Tesla Model 3.

E tra le auto ibride:

  • l’Audi A3 e-Tron;
  • la BMW Active Tourer 225xe;
  • la BMW Serie 5 versione 530e;
  • la Kia Niro Plug In;
  • la Kia Optima Plug-in Hybrid;
  • la Mercedes GLC 350e;
  • la Mini Countryman Cooper S E;
  • la Mitsubishi Outlander Phev;
  • la Toyota Prius Plug-in Hybrid.

Nella lista dei modelli elettrici per cui si possono chiedere incentivi non ci sono auto italiane. In Italia infatti l’industria automobilistica è quasi esclusivamente fondato su veicoli a benzina, diesel e metano e molti vedono nell’elettrico un nemico per l’occupazione, dato che per assemblare un motore elettrico serve una manodopera minore rispetto a uno a scoppio, che è molto più complesso. È una delle ragioni per cui l’elettrico non si è ancora diffuso ampiamente in Europa e non è particolarmente rilevante in Italia, dove il settore automobilistico è stato storicamente centrale per l’occupazione dei lavoratori poco qualificati.

Il rifornimento di un'auto elettrica a Pescara (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.